5 min read

Il valore di una crypto. Corso base ep. 8

Oltre a Bitcoin ed Ethereum ci sono le cosiddette Altcoin. Ma quali sono i casi d’uso e il loro valore intrinseco?

Le altcoin

Il termine altcoin (“alternative coin”) racchiude tutti quei token oltre Bitcoin. Il concetto nacque in tempi in cui queste non erano che scopiazzate ti Bitcoin, con le stesse identiche funzioni, ma ad oggi il contesto è completamente diverso, con l’avvento della DeFi e i nuovi casi di applicazione delle crypto.

L’obbiettivo di questo nuovo capitolo del Corso base su Bitcoin e criptovalute sarà quindi quello di rintracciare delle categorie in cui dividere le altcoin, per poi riuscire a individuarne il valore.

Delle altcoin si parla sempre in generale, ma è possibile individuarne diversi tipi, per poi risalire al loro valore intrinseco, profondamente legato con l’economia del token stesso.

La crescita del settore ha portato alla creazione di un ecosistema variopinto, non tanto derivato da Bitcoin, quanto alternativo, e senza che entri in competizione.

Le categorie

Il primo gruppo di altcoin può essere individuato nelle “infrastrutture”, quelle applicazioni che reggono l’intero sistema del token. In altre parole, i Layer 0, 1 e 2. Le crypto erogate su queste piattaforme sono “coin”, ovvero native della piattaforma che le eroga. E ci sono poi i “token”, che però sono intesi come “ospiti” su blockchain altrui. Tra questi possono rientrare stablecoin, exchange token, governance token, altri utility token legati al metaverso o al gaming, memecoin, e addirittura shitcoin.

Ci sono poi dei modelli di approccio a tutti questi asset. Il primo concetto riguarda una prima differenza tra token in quanto tale, e progetto relativo. Il valore di un token non è necessariamente legato al valore del progetto, e per poter esprimere una valutazione è necessario in primo luogo analizzarne la tokenomics, che a sua volta varia per categoria dell’asset e dallo use case.

Per esempio, per i Layer 0, 1 e 2 tutto parte da Ethereum e il linguaggio di programmazione Solidity. Binance Smart chain è forse il primo caso di blockchain alternativa, e nasce proprio dalla necessità di svincolarsi dalla congestione della rete Ethereum e dalle sue costose commissioni. D’altra parte, è anche il caso ad aver aperto un vero e proprio trend di chain alternative, caratterizzate da una maggior scalabilità, altri algoritmi di consenso come il proof-of-stake, altri linguaggi di programmazione e differenze infrastrutturali.

Il valore intrinseco di un token, per quanto variegato, parte sempre dal pagamento delle gas fees. Maggiore è l’utilizzo, maggiori saranno le commissioni. C’è poi il burn del circolante, che ne riduce  l’offerta, la sicurezza del network dettata dai meccanismi di consenso, la governance, fino addirittura ad un aspetto esclusivamente speculativo.

Gli Utility token

Come già accennato, una coin è nativa della sua blockchain, mentre un token è da intendersi come ospite, che segue lo standard imposto dalla blockchain stessa su cui vive. Uno standard può essere l’ERC-20, per quanto riguarda Ethereum, oppure BEP-20, se si guarda alla BSC.

I nuovi modelli di valori sono quindi differenti, e legati a doppio filo con gli Utility token, che in generale descrivono ogni tipo di economia di un protocollo.

Basti pensare dalle stablecoin, ovvero quel token il cui valore è legato con un altro asset (generalmente USD). Esistono quelle con collaterale in dollari, con un sovracollaterale in altri tipi di asset, oppure algoritmiche. In generale, però, il valore può essere individuato semplicemente nella sua capacità di mantenere il peg.

Questo, a differenza degli Exchange token, il cui valore viaggia a pari passo con le opportunità offerte dal CEX di riferimento. Può dipendere dal numero di utenti dell’exchange, oppure un servizio che ne aumenta la domanda. In generale, tutto ciò che è utile per l’utente assiduo del CEX. Più casi d’uso ci sono e meglio è, ma sempre senza dimenticarsi nel bilancio di una domanda he deve essere proporzionale alla crescita delle operazioni rese possibili.

Un pò più complicato potrebbe essere invece andare ad analizzare i governance token, utilizzati per poter dare potere di voto ai suoi detentori sul relativo protocollo, ma che possono anche esprimere degli incentivi di vario tipo per gli utenti. Il tutto, in una commistione di casi che possono includere anche molti modelli sperimentali, nel bene e nel male.

È quindi importante capirne l’utilità, ma anche le caratteristiche collaterali che potrebbero inficiarne il valore effettivo, come la diluizione del token, che alla nascita del progetto può essere elevata, oppure alle tokenomics personalizzate.

Altri token sono specificamente legati al loro protocollo, e anche in questo caso il valore dipende dallo sviluppo di quest’ultimo. Può essere una moneta di scambio in un metaverso (come MANA o SAND), oppure un asset in-game (SLP su Axie Infinity).

C’è una differenza fondamentale tra memecoin e shitcoin. La prima può essere effettivamente un trend, dettato da fattori di cultura pop o da semplici stati d’animo dell’Internet. La seconda è una truffa a tutti gli effetti, e potrebbe comportare pericoli effettivi per i propri fondi di natura dolosa. Se quindi una memecoin può essere una scommessa, una shitcoin è una vera e propria truffa.

Consigli per l’investitore

Chi vuole investire coerentemente, deve quindi capire bene in cosa consistono tutte queste categorie, dai loro casi d’uso alla loro tokenomics. Deve in secondo luogo prediligerne il valore, e i parametri da cui questo deriva, per poi considerare il peso della speculazione partendo da delle basi solide. In questo modo, l’allocazione sarà soppesata alla propria tolleranza del rischio.


bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 19,084.81
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,337.56
tether
Tether (USDT) $ 0.999386
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 0.999786
bnb
BNB (BNB) $ 280.07
xrp
XRP (XRP) $ 0.478578
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
cardano
Cardano (ADA) $ 0.461924
solana
Solana (SOL) $ 33.64
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.066148
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.43
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000012
dai
Dai (DAI) $ 1.00
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,330.71
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.769908
tron
TRON (TRX) $ 0.060260
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 17.82
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 19,079.98
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.86
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 13.96
leo-token
LEO Token (LEO) $ 4.26
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 28.85
litecoin
Litecoin (LTC) $ 54.90
okb
OKB (OKB) $ 15.24
chainlink
Chainlink (LINK) $ 7.66
ftx-token
FTX (FTT) $ 23.98
stellar
Stellar (XLM) $ 0.119770
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.82
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.118520
monero
Monero (XMR) $ 142.95
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.373996
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 120.20
flow
Flow (FLOW) $ 1.71
apecoin
ApeCoin (APE) $ 5.58
terra-luna
Terra Luna Classic (LUNC) $ 0.000246
vechain
VeChain (VET) $ 0.023255
chain-2
Chain (XCN) $ 0.077636
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.71
quant-network
Quant (QNT) $ 118.64
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 6.12
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.062864
chiliz
Chiliz (CHZ) $ 0.259377
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.52
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.909153
frax
Frax (FRAX) $ 0.997357
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.723314
eos
EOS (EOS) $ 1.23
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 13.11
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.12
elrond-erd-2
Elrond (EGLD) $ 48.32