Episodio 8 - Asset Allocation

Come, dove e quanto investire sono le prime domande che bisognerebbe farsi. Passiamo dalla teoria alla pratica del corso gratuito Trading Consapevole!

Introduzione

Come, dove e quanto investire sono le prime domande che bisognerebbe farsi. Oggi vi mostro un approccio utile a calcolare queste variabili. Passiamo dalla teoria alla pratica del corso gratuito Trading Consapevole!

Partiamo dalle fondamenta: l’asset allocation. Cerchiamo di capire, in base alla nostra condizione economica, innanzitutto, quanto ci possiamo permettere di investire. Fatto questo, iniziamo a strutturare un portafoglio basandoci sui concetti di rischio.

Trovare il punto di ottimo tra rischio e rendimento è un po’ il sacro Graal dell’investitore. Con alcuni accorgimenti possiamo fare del nostro meglio anche noi. Infine, facciamo un discorso di Investimento VS Trading: due concetti molto simili, ma molto diversi che si integrano bene tra loro.

Asset allocation: cos'è?

Eccoci alla prima puntata “pratica” del corso, dopo qualche lezione più teorica vista in precedenza. Parliamo di asset allocation, l’inizio di una strategia completa e costruzione di portafoglio. 

L’asset allocation è il primo discorso da affrontare per costruire solide fondamenta per la propria strategia di trading. Quanto e come rischiare? Quali sono le diverse classi di rischio a seconda degli asset? Quanto esporsi a seconda di quello che è il mio capitale?

Obiettivi dell'investimento

Ognuno di noi ha motivi validi per investire il proprio capitale: fondo pensionistico privato, tutela del capitale dall’inflazione, ulteriore fonte di rendita, e molto altro.

Qualsiasi sia la ragione che ci porta a investire i nostri soldi, lo scopo finale è far crescere il capitale nel tempo e il più possibile, controllando il rischio. Cosa non banale perché presuppone una cosa fondamentale: equilibrio perfetto tra rischio e rendimento.

Definire il capitale iniziale

Quanto posso permettermi di allocare nel mio investimento? Possiamo deciderlo, anzi sarebbe molto sensato farlo, in base ai nostri fattori personali economici come la nostra rendita fissa, il tenore di vita e simili. Non è necessario allocare il capitale tutto in una volta, ma possiamo optare per un piano di accumulo che preveda di comprare l’asset in cui vogliamo investire anche una volta al mese, una all’anno e così via. Alla fine avrò due conti: uno cash, liquido, e uno investito.

Le entrate sono le prime che devo calcolare. Da esse devo sottrarre le spese fisse, quelle facilmente prevedibili. 

Le spese variabili sono più personali e dipendono dal nostro stile di vita. Sono quelle meno prevedibili, per cui ci servirà un cuscinetto di liquidità nel caso in cui dovessero bussare alla nostra porta anche in maniera imprevista.

La rimanenza è ciò che di fatto possiamo investire: l’investimento è un di più, non deve togliere niente alla nostra vita o alla sicurezza del nostro patrimonio spendibile.

Il quadro finale influisce sulla tolleranza al rischio di ognuno di noi. 

In cosa investire?

Ovviamente, l’obiettivo è quello di investire in qualcosa che possa acquisire valore nel tempo. Per decidere, posso affidarmi all’analisi fondamentale oppure valutare l’andamento dei grafici con l’analisi tecnica. Anche l’analisi tecnica dovrà essere osservata “dall’alto” perché stiamo scegliendo in cosa allocare parte del nostro capitale, non stiamo facendo speculazione (non ancora!). Quindi concentriamoci, a questo livello, su higher high, higher lows, supporti resistenze e fasi di mercato.

Diversificare è importante, ma non esagerare. Dovrò continuare a osservare quell’asset nel tempo. Non posso pensare di allocare il mio capitale in un asset e poi dimenticarmene, quindi devo essere sicuro di avere il tempo e le capacità di occuparmene giorno per giorno per controllarne l’andamento.

Infine, voglio controllare il rischio per quanto possibile: devo sapere quanto sto rischiando in qualsiasi momento. Le perdite sono l’unica cosa che posso controllare, quindi definiamole dal principio. I guadagni non possono essere previsti, le perdite possono essere limitate.

Per evitare di sbilanciare il portafoglio in maniera spropositata, cosa che aumenterebbe di molto di rischio, ci viene incontro la cosiddetta piramidazione del rischio: immaginiamoci una piramide dove la base è ciò che abbiamo di più sicuro nel tempo, ovvero i rendimenti a rischio più contenuto. Con i guadagni della mia base posso consolidare una punta di investimento a rischio maggiormente elevato.

Investimento e Trading

Concludiamo con una precisazione, forse superflua, ma doverosa. Investimento e trading non sono la stessa cosa. Investimento è allocare capitale su un asset nel quale percepiamo valore futuro. Al posto di tenere liquidità che perde valore a causa dell’inflazione, posso decidere di investire in qualcosa che rende. Il tempo è illimitato, non definito.

Il trading invece ha un limite di tempo ed è proprio quello che lo rende diverso dall’investimento, ma comunque complementare ad esso. Può essere usato stand alone certamente, ma anche come copertura e come booster dell’investimento.

Abbiamo approfondito l’argomento in questo articolo dedicato alle differenze tra investimento e trading.


bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 20,179.00
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,137.19
tether
Tether (USDT) $ 1.00
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 237.63
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.322980
cardano
Cardano (ADA) $ 0.457009
solana
Solana (SOL) $ 36.04
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.067528
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.92
dai
Dai (DAI) $ 1.00
tron
TRON (TRX) $ 0.067573
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000010
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.85
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 20,192.00
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 18.32
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,103.23
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.523527
litecoin
Litecoin (LTC) $ 49.93
ftx-token
FTX (FTT) $ 25.63
okb
OKB (OKB) $ 12.51
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.117243
chainlink
Chainlink (LINK) $ 6.25
stellar
Stellar (XLM) $ 0.109232
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 8.97
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.46
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.35
monero
Monero (XMR) $ 125.79
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.309506
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 15.06
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 106.12
theta-fuel
Theta Fuel (TFUEL) $ 0.050375
chain-2
Chain (XCN) $ 0.084866
vechain
VeChain (VET) $ 0.023271
flow
Flow (FLOW) $ 1.58
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 1.26
apecoin
ApeCoin (APE) $ 5.05
frax
Frax (FRAX) $ 1.00
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.900899
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.52
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 5.52
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.061898
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.51
elrond-erd-2
Elrond (EGLD) $ 54.70
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.21
true-usd
TrueUSD (TUSD) $ 1.00
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 14.55
bitcoin-sv
Bitcoin SV (BSV) $ 54.14
eos
EOS (EOS) $ 0.984226