4 min read 23 03 2022

1 commerciante su 4 in nove Paesi vuole offrire pagamenti in crypto nel 2022

Un nuovo sondaggio condotto da Visa rivela che la strada verso l’adozione di massa delle crypto potrebbe non essere così lontana.

1 commerciante su 4 in nove Paesi vuole offrire pagamenti in crypto nel 2022

Il sondaggio

Raggiungere una forte adozione da parte dei commercianti è stata una battaglia in salita per il nascente settore delle criptovalute, ma potrebbe anche diventare una realtà nel 2022.

Secondo un nuovo sondaggio pubblicato dal gigante dei pagamenti Visa, quest’anno oltre il 25% delle piccole imprese prevede di aggiungere criptovalute come forma di pagamento.

L’azienda ha intervistato 2.250 piccoli imprenditori di nove Paesi.

Visa ha rilevato che oltre il 30% dei commercianti di piccole imprese negli Emirati Arabi Uniti, Hong Kong, Singapore e Brasile prevede di offrire ai clienti la possibilità di pagare utilizzando le criptovalute nei prossimi mesi. Le valute digitali sono decollate in ciascuna di queste giurisdizioni, nonostante le difficoltà normative.

In netto contrasto, solo l’8% degli intervistati dal Canada ha affermato che consentirebbe ai propri clienti di pagare con valute digitali.

Gli Stati Uniti sono in qualche modo nel mezzo, con il 19% degli imprenditori intervistati che afferma che aggiungerebbero le criptovalute al proprio business nel 2022.

Le piccole imprese al di fuori del Nord America sono più aperte ad accettare valute digitali, incluso bitcoin, come forme di pagamento.

Quasi tre quarti delle aziende intervistate in tutto il mondo hanno riferito che accettare nuove forme di pagamento è “fondamentale” per la crescita della propria attività. Per molte aziende più piccole che si stanno muovendo verso nuove forme di pagamenti digitali, l’adozione delle criptovalute potrebbe essere un’evoluzione naturale, come conferma anche Jeni Mundy, Global Head of Merchant Sales and Purchase di Visa.

E i consumatori?

Il report Visa si sofferma anche sulla percentuale di “consumatori consapevoli” rispetto alle criptovalute, ovvero coloro i quali si sono interessati e informati sul tema. 

Generalmente, c’è una percentuale maggiore di consumatori consapevoli all’intero dei Mercati emergenti, rispetto a quelli sviluppati. In particolare, i consumatori informati sulle criptovalute sono, secondo il report, il 72% nei Mercati emergenti, contro il 58% in quelli sviluppati. Comunque percentuali che ci fanno sognare la mass adoption più vicina del previsto.

Mercati sviluppati come l’Australia (47%), il Regno Unito (47%) e gli Stati Uniti (44%) hanno le percentuali più alte di consumatori disinteressati. All’opposto, il Sud Africa ha il percentuale più piccola di consumatori disimpegnati (23%) di tutti i sondaggi mercati.

Anche la prevalenza di sentimenti negativi nei confronti delle criptovalute è più pronunciato nei mercati sviluppati, in quanto ogni mercato sviluppato preso in esame ha una percentuale di scettici maggiore rispetto a qualsiasi mercato emergente intervistato. La Germania ha la maggiore prevalenza di scettici (16%) rispetto a tutti i mercati considerati. 

Primi passi verso l’utilizzo quotidiano delle crypto

Il 2021 è stato l’anno in cui le criptovalute hanno fatto il loro ingresso nel mainstream, grazie sicuramente agli ottimi risultati in termini di performance di bitcoin e molte altre crypto, ma anche grazie a molti imprenditori e investitori di successo che si sono interessati ad alcuni trend, con forte risonanza sull’intero settore criptovalute.

Le criptovalute hanno fatto grandi passi avanti in termini di accettazione mainstream lo scorso anno, ma molti commercianti sono ancora riluttanti ad accettarle a causa dell’estrema volatilità e soprattutto delle preoccupazioni normative. 

Coloro che accettano le criptovalute di solito le convertono immediatamente in valuta FIAT per evitare problemi di ogni sorta. 

Nel novembre 2021, anche la catena di cinema AMC ha iniziato ad accettare Bitcoin e diverse altcoin come metodo di pagamento. Tuttavia, il CEO Adam Aron ha recentemente confermato che non terrà criptovalute nel suo bilancio. Sicuramente, in questo clima di incertezza a livello di regolamentazioni non possiamo biasimarlo, ma ci fa riflettere il fatto che anche i più convinti sostenitori, alla fine non si sentano circondati da un clima favorevole per introdurre le criptovalute del proprio business. 

Sempre lo scorso anno, anche PayPal ha introdotto un nuovo servizio di pagamento in criptovaluta per i commercianti che consente di convertire istantaneamente le criptovalute in USD.

“Penso che un numero sempre maggiore di persone si sentano più sicure con le criptovalute”

ha affermato in un’intervista Mundy.

Il servizio di criptovalute di PayPal è simile a quello della società fintech britannica Revolut. Come nel caso di Revolut, gli utenti PayPal non possono spostare le proprie criptovalute al di fuori dell’app. Sebbene Revolut abbia recentemente iniziato a testare una funzionalità che consente agli utenti di prelevare bitcoin sui propri portafogli personali.

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 19,383.77
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,066.27
tether
Tether (USDT) $ 1.00
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 216.67
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
cardano
Cardano (ADA) $ 0.448225
xrp
XRP (XRP) $ 0.312662
solana
Solana (SOL) $ 32.68
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.066339
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.74
dai
Dai (DAI) $ 1.00
tron
TRON (TRX) $ 0.064896
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000010
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.96
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 19,389.27
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 16.08
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,026.56
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.461203
litecoin
Litecoin (LTC) $ 50.96
ftx-token
FTX (FTT) $ 24.67
okb
OKB (OKB) $ 12.25
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.113418
chainlink
Chainlink (LINK) $ 6.07
stellar
Stellar (XLM) $ 0.110157
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.31
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 8.00
uniswap
Uniswap (UNI) $ 4.81
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.306877
monero
Monero (XMR) $ 112.48
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 14.58
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 101.09
theta-fuel
Theta Fuel (TFUEL) $ 0.047584
chain-2
Chain (XCN) $ 0.085613
vechain
VeChain (VET) $ 0.022228
flow
Flow (FLOW) $ 1.48
frax
Frax (FRAX) $ 1.00
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 1.08
apecoin
ApeCoin (APE) $ 4.51
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.062044
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 5.26
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.841964
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.37
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.31
true-usd
TrueUSD (TUSD) $ 1.00
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.17
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 13.96
elrond-erd-2
Elrond (EGLD) $ 51.02
bitcoin-sv
Bitcoin SV (BSV) $ 51.85
helium
Helium (HNT) $ 9.21