2 min read 18 11 2022

Le Bahamas hanno sequestrato ogni risorsa di FTX

La Securities Commission dello stato delle Bahamas avrebbe sequestrato tutte le attività di FTX Digital Markets, e ora si apre il dibattito su quale giurisdizione dovrebbe gestirne il caso.

Le Bahamas hanno sequestrato ogni risorsa di FTX

Il ruolo delle Bahamas nel caso FTX

Lo scorso 12 novembre, la Securities Commission delle Bahamas avrebbe trasferito tutti gli asset di FTX Digital Markets a un wallet sotto il proprio controllo, aprendo così il dibattito su quale giurisdizione dovrebbe gestire la battaglia legale tra la società e l’ex ceo Sam Bankman-Fried.

Le risorse avevano iniziato a uscire misteriosamente dai conti FTX alla fine dell’11 novembre, con la società stessa che sembrava insicura di ciò che stesse accadendo.

Il regolatore delle Bahamas, a quanto pare, “ha intrapreso l’azione di dirigere il trasferimento di tutte le risorse digitali di FTX Digital Markets a un portafoglio digitale controllato dalla Commissione”, si legge nel comunicato stampa. Perché “era necessaria un’azione normativa provvisoria urgente per proteggere gli interessi dei clienti e dei creditori”.

Colpo di reni di SBF

E in questo contesto, secondo gli avvocati fallimentari assunti dalla società in bancarotta, Bankman-Fried starebbe tentando di ostacolare il corso del chapter 11 (protocollo fallimentare e di restaurazione del debito americano) bloccando i beni proprio alle Bahamas.

L’obiettivo, sempre secondo gli avvocati, sarebbe evitare la supervisione della Corte, mantenendo FTX isolata dal resto dei debitori, che costituiscono la stragrande maggioranza del resto del gruppo.

“Il signor Bankman-Fried, il co-fondatore e proprietario di tutti i debitori e di FTX DM, sembra sostenere gli sforzi per espandere l’ambito del procedimento FTX DM alle Bahamas, per minare lo svolgimento del chapter 11”, si legge nel deposito. “I debitori hanno quindi prove credibili che il governo delle Bahamas sia responsabile di dirigere l’accesso non autorizzato ai sistemi dei debitori allo scopo di ottenerne le risorse digitali”.

D’altra parte, le autorità delle Bahamas si sono scrollate di dosso queste accuse, affermando come non non rientri nelle proprie competenze il fatto che FTX aderisca alla procedura fallimentare del chapter 11 o meno.

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 17,220.03
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,280.38
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 290.08
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 0.999145
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.392711
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.098438
cardano
Cardano (ADA) $ 0.314506
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.923077
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.39
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,266.50
litecoin
Litecoin (LTC) $ 77.96
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000009
dai
Dai (DAI) $ 1.02
okb
OKB (OKB) $ 20.83
tron
TRON (TRX) $ 0.054596
solana
Solana (SOL) $ 13.67
uniswap
Uniswap (UNI) $ 6.10
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 13.47
leo-token
LEO Token (LEO) $ 3.78
chainlink
Chainlink (LINK) $ 6.99
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 17,164.86
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 9.86
the-open-network
Toncoin (TON) $ 1.81
monero
Monero (XMR) $ 147.53
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 19.22
stellar
Stellar (XLM) $ 0.085443
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 111.96
quant-network
Quant (QNT) $ 123.10
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.064536
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.225744
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.43
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 1.70
apecoin
ApeCoin (APE) $ 3.93
vechain
VeChain (VET) $ 0.019089
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.048205
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 4.30
eos
EOS (EOS) $ 1.03
trust-wallet-token
Trust Wallet (TWT) $ 2.67
elrond-erd-2
MultiversX (Elrond) (EGLD) $ 45.96
flow
Flow (FLOW) $ 1.04
terra-luna
Terra Luna Classic (LUNC) $ 0.000174
frax
Frax (FRAX) $ 0.997873
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.590393
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 8.16
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.00
aave
Aave (AAVE) $ 63.00
theta-token
Theta Network (THETA) $ 0.876386
chain-2
Chain (XCN) $ 0.040423