3 min read 04 Jul 2022

Bitcoin piace sempre più alle compagnie energetiche

Di Davide Grammatica

Duke Energy, la seconda compagnia elettrica degli Stati Uniti, starebbe studiando il settore del mining di Bitcoin, per contribuire al problema della “risposta eccessiva alla domanda”.

Bitcoin piace sempre più alle compagnie energetiche

Un nuovo approccio al mining

Secondo delle indiscrezioni svelate dal data analyst crypto Dennis Porter, la seconda compagnia elettrica degli Stati Uniti Duke Energy starebbe studiando attivamente il settore del mining di Bitcoin, essendone a conti fatti anche un attuale investitore. 

La fonte viene proprio dall’interno dell’azienda, con le prove che sono state fornite da Justin Orkney, analyst di Lead Rates & Regulatory Strategy di Duke Energy. 

La seconda compagnia elettrica degli Stati Uniti, nello specifico, starebbe studiando il mining di Bitcoin con l’intenzione di integrarne l’attività nella strategia di “risposta alla domanda”.

Sempre Justin Orkney aveva già fatto un’apparizione nel podcast “Bitcoin, Energy, and the Environment”, di Troy Cross, il 26 giugno. E ha confermato la ricerca in corso, con un focus sui risultati che esploreranno le possibilità di integrazione dei miner nella propria rete. 

Prima di pubblicare il rapporto finale, invece, Orkney ha dichiarato che l’azienda avrebbe sfruttato una sua micro-rete fornita con diverse fonti di energia. Proprio per condurre prove che coinvolgono diversi tipi di miner.

“Sto lavorando a uno studio di ‘risposta alla domanda’ di Bitcoin, sull’inclusione della capacità di mining di BTC nel nostro sistema, e con un occhio alla funzionalità di questa dinamica”, ha dichiarato Orkney. “Speriamo di fare presto un test tecnico”.

Le strategie

La società, sempre secondo queste informazioni, avrebbe già sviluppato un rapporto sulla questione per il picco energetico invernale, e ora l’attenzione è concentrata su Bitcoin.

Più nel dettaglio, una funzionalità di questo genere comporterebbe cambiamenti nell’utilizzo dell’elettricità da parte dei consumatori, in risposta a stagioni di utilizzo elevato come parte della diminuzione della domanda sulla rete, mantenendo però l’affidabilità dell’elettricità.

In più, alla rete dell’azienda servirebbero altre iniziative di ‘risposta alla domanda’. E per diversi settori, per i quali il mining di Bitcoin può essere un candidato ideale. Allo stesso tempo, la rete ufficiale di Duke Energy ospita già diversi minatori di Bitcoin (anche se su piccola scala).

L’iniziativa seguirebbe a ruota un approccio al mining sempre più comune degli Stati Uniti, dove si abbraccia sempre più spesso il mining per migliorare l’approvvigionamento energetico. Negli Usa, diversi stati stanno sfruttando l’idea proprio in funzione del miglioramento dell’alimentazione e della riduzione al minimo delle interruzioni del servizio. 

Sappiamo già quanto il mining di Bitcoin sia stato criticato per l’uso eccessivo di energia mentre e, dati alla mano, c’è chi sostiene che l’intero settore debba essere abolito. 

Tuttavia, nascono sempre più iniziative per contribuire alla risoluzione del problema della compromissione dell’infrastruttura elettrica esistente. 

X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere approfondimenti esclusivi e analisi ogni settimana.

Se ti iscrivi c’è un regalo per te!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 62,265.68
ethereum
Ethereum (ETH) $ 3,375.75
tether
Tether (USDT) $ 0.999802
bnb
BNB (BNB) $ 567.82
solana
Solana (SOL) $ 124.64
usd-coin
USDC (USDC) $ 0.999775
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 3,375.99
xrp
XRP (XRP) $ 0.472265
the-open-network
Toncoin (TON) $ 7.23
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.118850
cardano
Cardano (ADA) $ 0.372606
tron
TRON (TRX) $ 0.118391
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000017
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 24.34
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 62,289.69
chainlink
Chainlink (LINK) $ 13.03
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.61
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 369.60
uniswap
Uniswap (UNI) $ 9.17
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 5.11
wrapped-eeth
Wrapped eETH (WEETH) $ 3,508.82
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.78
litecoin
Litecoin (LTC) $ 70.95
dai
Dai (DAI) $ 0.999178
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.552194
pepe
Pepe (PEPE) $ 0.000010
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 7.74
ethena-usde
Ethena USDe (USDE) $ 1.00
kaspa
Kaspa (KAS) $ 0.147174
fetch-ai
Fetch.ai (FET) $ 1.37
renzo-restaked-eth
Renzo Restaked ETH (EZETH) $ 3,400.97
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 22.60
monero
Monero (XMR) $ 164.92
aptos
Aptos (APT) $ 6.55
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.074747
render-token
Render (RNDR) $ 6.83
stellar
Stellar (XLM) $ 0.088615
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 6.57
mantle
Mantle (MNT) $ 0.764640
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 0.771734
okb
OKB (OKB) $ 41.02
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.089630
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.22
first-digital-usd
First Digital USD (FDUSD) $ 1.00
blockstack
Stacks (STX) $ 1.53
immutable-x
Immutable (IMX) $ 1.47
maker
Maker (MKR) $ 2,225.97
sui
Sui (SUI) $ 0.834889
vechain
VeChain (VET) $ 0.024363
injective-protocol
Injective (INJ) $ 20.10