2 min read 28 07 2022

Inflazione: la FED e 75 punti base non fermano le crypto

La Federal Reserve (FED) ha aumentato i tassi di interesse di 75 punti base per combattere l’inflazione. Nel mentre, il mercato crypto reagisce positivamente

Inflazione: la FED e 75 punti base non fermano le crypto

L’aumento dei tassi

Ce lo si aspettava, e in effetti così è stato. In seguito alla persistenza dell’inflazione, la FED ha deciso di utilizzare ciò che è in suo potere per alleviare il peso sull’economia e sulla condizione finanziaria delle persone. Quel 9,1%, infatti, è il dato inflazionistico più alto mai registrato negli Usa negli ultimi 40 anni.

Nelle ultime ore, alla riunione del FOMC (Federal Open Market Committee), la banca centrale americana ha quindi annunciato l’aumento dello 0,75% dei tassi, che ora sono ora compresi tra il 2,25% e il 2,5%.

Come si accennava, la Federal Reserve ha preso la sua decisione dopo che l’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 9,1% a giugno, e questo nonostante i tentativi delle autorità finanziarie di frenare l’aumento dei prezzi.

Ciò che ha colpito maggiormente l’impennata dei prezzi sono stati le abitazioni, i prezzi dei generi alimentari e la benzina, e ciò fa capire perché secondo un sondaggio della CNBC il 96% delle persone si consideri “preoccupata” per questa situazione.

“L’inflazione ha ovviamente sorpreso in negativo nell’ultimo anno”, ha dichiarato Jerome Powell. “E potrebbero esserci altre sorprese in serbo”. Il governo prevede a questo punto anche una prossima recessione, che potrebbe colpire i mercati globali. E la decisione della FED vuole impedire proprio questa evenienza.

La risposta crypto

Il mercato globale delle criptovalute, tuttavia, ha reagito positivamente dopo l’annuncio. Bitcoin, Ethereum e l’intero settore hanno guadagnato terreno a un ritmo di percentuali a due cifre.

Ma perché? La versione più semplice potrebbe essere che il mercato delle criptovalute segua un trend macro in cui le aspettative del mercato sono soddisfatte, come è successo in questo caso con un aumento di 75 punti base (previsto dal mercato), e non 100 come filtrava dalla FED. Probabilmente, se i tassi di interesse fossero aumentati di 100 punti, il mercato crypto avrebbe risposto in maniera totalmente opposta.

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 16,421.99
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,210.77
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 300.92
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.393812
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.102357
cardano
Cardano (ADA) $ 0.310385
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.835267
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.28
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,193.44
litecoin
Litecoin (LTC) $ 75.83
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000009
dai
Dai (DAI) $ 0.999281
okb
OKB (OKB) $ 20.43
tron
TRON (TRX) $ 0.053681
solana
Solana (SOL) $ 13.62
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.48
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 12.54
chainlink
Chainlink (LINK) $ 7.34
leo-token
LEO Token (LEO) $ 3.83
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 16,375.07
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 10.11
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 19.61
the-open-network
The Open Network (TON) $ 1.72
monero
Monero (XMR) $ 138.21
stellar
Stellar (XLM) $ 0.088800
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 111.10
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.239399
quant-network
Quant (QNT) $ 112.80
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.063580
apecoin
ApeCoin (APE) $ 4.14
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.34
vechain
VeChain (VET) $ 0.018586
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 1.61
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.049431
flow
Flow (FLOW) $ 1.11
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 3.93
frax
Frax (FRAX) $ 1.00
elrond-erd-2
MultiversX (Elrond) (EGLD) $ 42.38
eos
EOS (EOS) $ 0.913107
terra-luna
Terra Luna Classic (LUNC) $ 0.000160
theta-token
Theta Network (THETA) $ 0.934588
huobi-token
Huobi (HT) $ 7.05
chain-2
Chain (XCN) $ 0.042536
tezos
Tezos (XTZ) $ 0.985254
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.565408
chiliz
Chiliz (CHZ) $ 0.163685
aave
Aave (AAVE) $ 61.46