5 min read

Substrate Polkadot: che cos'è?

Di Gabriele Brambilla

Alla scoperta del Substrate, una delle colonne portanti degli ecosistemi Polkadot e Kusama

Substrate Polkadot: che cos'è?

Introduzione a Polkadot

L’ecosistema di Polkadot è in continua espansione e ricco di opportunità date anche da un elemento fondamentale: il Substrate.

Come sappiamo, la blockchain layer-0 ha tanto da offrire e ben si adatta alle specifiche esigenze di ciascun progetto. L’idea da sviluppare non incontra limitazioni: in questo ambiente si può creare una chain appositamente pensata per il compito che si ha in mente, così da soddisfare con precisione tutti gli obiettivi prefissati.

La Relay Chain è al centro di questo concetto, garantendo sicurezza e operatività. Le Parachain, ciascuna delle quali con le proprie caratteristiche, si collegano a essa. Così facendo si ottengono svariati vantaggi, tra cui interoperabilità e rapidità delle transazioni.

A questo punto, capiamo che cos’è il Substrate e dove si colloca tra le realtà appena citate.

Substrate

Il Substrate è un framework di sviluppo blockchain tra i più innovativi e meglio costruiti in circolazione. Grazie a esso gli sviluppatori possono dar vita a progetti blockchain custom, ritagliati sulle esigenze del progetto su cui stanno lavorando.

È quindi errato definire il Substrate come una chain o un network; di fatto si tratta di un SDK (Software Development Kit) che vuole mettere i programmatori nelle migliori condizioni per sviluppare, fornendo uno strumento potente e privo di limitazioni.

Il Substrate è alla base di Polkadot, impiegato da Parity Technologies nello sviluppo di questo layer-0. Esso nasce in quanto il team voleva creare qualcosa che non avesse le limitazioni di Ethereum e che potesse, se necessario, far comunicare tra loro le blockchain con alla base questo SDK.

Il framework non è però un elemento obbligatorio per far parte della grande famiglia di DOT e Kusama. Un team di sviluppo può creare una Parachain senza impiegare il Substrate, anche se per adesso le alternative sono piuttosto limitate. Oppure, si può utilizzare il Substrate, ma non si è di certo vincolati a connettere il prodotto finale all’ecosistema: le blockchain possono essere tranquillamente indipendenti.

Un progetto realmente innovativo, che mira a obiettivi ambiziosi quali l’interoperabilità, la sicurezza, una relativa facilità di sviluppo e via dicendo, necessita di strumenti all’altezza. Substrate è uno dei pilastri dietro all’idea concepita da Gavin Wood e Parity.

Substrate

Obiettivi e vantaggi del Substrate

Substrate, unito a Cumulus Project, è di fatto un Software Development Kit. Utilizzandolo, i dev di una Parachain possono crearla e pubblicarla su Polkadot.

Quest’ultima affermazione è in verità un po’ limitante, perché il Substrate punta in generale a concretizzare la visione Web3 dell’ecosistema, che vede Polkadot come la blockchain delle blockchain. Substrate semplifica la vita agli addetti ai lavori e spalanca le porte a questo universo. Senza di esso, i team dovrebbero impiegare complessi linguaggi e soluzioni limitanti che non farebbero concretizzare al 100% le idee che hanno in mente.

Scopriamo quindi qualche vantaggio proprio del Substrate.

Innanzitutto, come appena detto, è aperto. Non solo open-source, ma anche personalizzabile e ricco di strumenti che agevolano l’opera.

Abbiamo menzionato più volte l’interoperabilità. Questo strumento permette di sviluppare blockchain indipendenti, con bridge o Parachain. La compatibilità è garantita a prescindere dalla soluzione impiegata.

In tutto ciò, non può mancare la sicurezza. Seppur non obbligatorio, l’integrazione con il layer-0 mette nelle migliori condizioni per evitare problemi di questo genere.

Substrate mette poi nelle migliori condizioni per applicare aggiornamenti futuri, senza imporre limitazioni. Questo è un grande vantaggio per un progetto che necessita di nuove funzionalità o modifiche a quelle attuali.

Approfondisci questo grande ecosistema con il nostro ultimo video dedicato!


X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere approfondimenti esclusivi e analisi ogni settimana.

Se ti iscrivi c’è un regalo per te!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 65,686.60
ethereum
Ethereum (ETH) $ 3,439.25
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 582.34
solana
Solana (SOL) $ 172.34
usd-coin
USDC (USDC) $ 1.00
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 3,437.53
xrp
XRP (XRP) $ 0.597171
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.130164
the-open-network
Toncoin (TON) $ 6.89
cardano
Cardano (ADA) $ 0.407807
tron
TRON (TRX) $ 0.134180
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 28.78
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 65,856.64
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000017
chainlink
Chainlink (LINK) $ 13.84
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.92
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 365.54
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 5.69
uniswap
Uniswap (UNI) $ 7.65
litecoin
Litecoin (LTC) $ 72.61
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.80
dai
Dai (DAI) $ 0.999405
wrapped-eeth
Wrapped eETH (WEETH) $ 3,591.46
pepe
Pepe (PEPE) $ 0.000012
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.532210
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 9.77
kaspa
Kaspa (KAS) $ 0.177448
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 23.72
ethena-usde
Ethena USDe (USDE) $ 0.999850
aptos
Aptos (APT) $ 7.02
fetch-ai
Artificial Superintelligence Alliance (FET) $ 1.29
stellar
Stellar (XLM) $ 0.101300
monero
Monero (XMR) $ 161.11
mantle
Mantle (MNT) $ 0.880689
dogwifcoin
dogwifhat (WIF) $ 2.60
blockstack
Stacks (STX) $ 1.75
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 0.774332
maker
Maker (MKR) $ 2,772.14
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.43
render-token
Render (RENDER) $ 6.41
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.092368
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.067902
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 6.19
okb
OKB (OKB) $ 39.98
immutable-x
Immutable (IMX) $ 1.52
injective-protocol
Injective (INJ) $ 24.10
vechain
VeChain (VET) $ 0.028902
bittensor
Bittensor (TAO) $ 322.12
optimism
Optimism (OP) $ 1.85