Teoria di Dow, trend di mercato e volumi

La teoria di Dow pone le basi per gli studi moderni in merito alla movimentazione dei principali indici di mercato e in generale degli asset direzionali; studiando e qualificando le varie tipologie di trend, ci permette di avere un idea più chiara sulle varie fasi di mercato, utilizzando volumi e correlazioni come ulteriori conferme

Teoria di Dow, trend di mercato e volumi

Introduzione

Charles Dow nato nel 1851, fu un giornalista e imprenditore statunitense, insieme ad altri due cofondatori diede alla luce la società “Dow, Jones and Co.” da cui proviene il famoso indice americano delle 30 migliori aziende: il Dow Jones industrial average, per gli amici Dow Jones.

Inoltre Charles fondò anche il celebre quotidiano a sfondo economico The Wall Street Journal.

Come possiamo notare Mr. Dow ha dato alla luce il principale notiziario economico e l’equity index di maggior rilevanza a livello internazionale, ma non si fermò qui: grazie alla Teoria di Dow, ha posto le basi per l’attuale analisi tecnica, vediamo insieme di cosa si tratta

I 6 principi di Dow

I punti di partenza per capire la teoria in questione, sono i 6 principi fondamentali secondo i quali qualificare un trend:

  1. Nel mercato sono presenti tre tipi di trend
    1. Primario: Macro direzionalità dell’asset
    2. Secondario: Caratterizza i ritracciamenti più marcati, sempre rispettando le dominance del macro-trend
    3. Minore: Volatilità interna al trend Secondario
  2. I trend si dividono in tre fasi:
    1. Accumulazione: presa di posizione da parte degli investitori istituzionali
    2. Partecipazione Pubblica: ingresso predominante di trader retail
    3. Distribuzione: presa di profitto massiccia da parte di istituzionali, condizione di iperestensione di mercato
  3. Gli indici sul mercato azionario devono confermarsi a vicenda: una sana correlazione tra indici di mercati comuni è un buon segnale per il mercato, vedremo successivamente come sfruttare le discrepanze;
  4. Il mercato sconta tutte le notizie, molto spesso anche prima che diventino pubbliche (buy the rumors, sell the news);
  5. I volumi devono confermare il trend, per una questione di crescente partecipazione pubblica;
  6. Il trend rimane confermato fino ad una chiara inversione: combinazione di price action e volumi.

I 6 principi di Dow

Il Mercato sconta tutto

Il prezzo di un asset, riflette ogni variazione legata all’attuale domanda e offerta sul mercato.

Da questo assunto sulla natura del mercato, deriva quello che oggi è il concetto di leading e lagging: rispetto ad indicatori ed oscillatori, che danno un indicazione postuma a determinate variazioni (lag) il prezzo e i volumi scontano le informazioni del mercato in anticipo, guidando (lead) il trend e influenzano gli indicatori.

Il Mercato sconta tutto

Il Mercato è Formato da Tre Trends.

Secondo questo principio abbiamo tre tendenze, o trend, all’interno della storia di un asset:

  • TREND PRIMARIO: il trend primario rappresenta la macro direzionalità di un’asset, che può essere misurata sia in termini temporali (superiore a 12 mesi), sia in termini di prevalenza sugli altri trend (asset monodirezionali).
  • TREND SECONDARIO: rappresenta l’equilibrio, una correzione inversa rispetto al trend primario, di durata tendenzialmente inferiore al trimestre. Viene considerato trend secondario, finchè rispetta la struttura del trend primario a lungo termine.
  • TREND MINORE: correzioni interne ad un trend secondario, hanno una rilevanza minore per gli studiosi di questa teoria, in quanto soggetti a numerosi falsi segnali. Con una corretta interpretazione però, i trend minori ci permettono di costruire le confluenze necessarie ad intercettare il termine del trend secondario per riallinearci al trend primario e viceversa.

"101 sui trend di mercato: Un trend rialzista si struttura come una serie di massimi e minimi crescenti, mentre un trend ribassista è caratterizzato da massimi e minimi decrescenti, entrambi sono infine regolati dalla legge dell’azione e reazione."

Il Mercato è Formato da Tre Trends.

Classificazione dei trend primari

Mr. Dow concentrò la sua attenzione principalmente sui trend primari, classificandoli ulteriormente in tre fasi, diventate poi punto di partenza per teorie più avanzate e ponendo le basi dell’analisi tecnica moderna (vedi articolo su Wyckoff), vediamole insieme:

  • ACCUMULAZIONE: I trader professionisti notano un esaurimento del trend secondario e prendono posizioni, per il riallineamento al trend primario (consolidamento a seguito di una fase di massima euforia in trend long o panico in trend short).
  • PARTECIPAZIONE PUBBLICA: il trend primario riprende evidentemente la sua direzione coinvolgendo la partecipazione di trader tipicamente retail, mentre i professionisti valutano una parziale presa di profitto.
  • DISTRIBUZIONE: la partecipazione al trend primario è così ampia da portare i trader professionisti a scaricare buona parte delle loro posizioni, contrastando la partecipazione retail alla tendenza, creando così una divergenza tra domanda e offerta (in base alla direzionalità del trend) e dando origine ad un nuovo trend secondario.

Classificazione dei trend primari

Gli indici devono confermarsi a vicenda.

La correlazione tra indici della stessa natura o che riflettono simili mercati, è auspicabile per la continuazione del trend, nel momento in cui si presentano divergenze, esse possono essere sia indice di una potenziale inversione del trend, sia un’opportunità di posizionamento per sfruttare un inefficienza che spesso viene colmata.

es. tradizionale: se l’indice che rappresenta la forza del dollaro DXY segnala una debolezza del dollaro è auspicabile che l’S&P, il DOW e il NASDAQ performino bene

oppure, se l’S&P 500 sta performando positivamente è logico pensare che il DOW performi similmente bene, essendo uno contenuto nell’altro

es. crypto: se la dominance di bitcoin è in caduta libera è auspicabile che ci sia un rally di Ether o delle Altcoin in corso

Gli indici devono confermarsi a vicenda.

I volumi devono essere coerenti con il trend

Ogni movimento direzionale accompagnato da una crescita di volumi indica la forza del movimento stesso.

Questo è vero nei mercati centralizzati dove abbiamo i dati in tempo reale sugli scambi avvenuti e sui volumi, diverso il discorso per i mercati decentralizzati (Crypto e CFD), dove possiamo avere solo un dato aggregato dei vari exchange/broker o ancora peggio ci basiamo su dati di volumi di un singolo Exchange.

Tutto questo negli ultimi anni ha perso tendenzialmente di significato: sia nei mercati centralizzati, a causa delle dark pool, sia nei mercati crypto, a causa degli scambi OTC.

Movimenti direzionali non sostenuti da volumi tendenzialmente dimostrano poca convinzione nella direzionalità e sono spesso falsi breakout volti ad indurre la massa verso un movimento fittizio (c.d. manipolazioni di mercato)

I volumi devono essere coerenti con il trend

Un Trend resta tale fino a prova contraria

Abbiamo analizzato approfonditamente le logiche di struttura di mercato e di dominance in questo articolo, se non hai idea di cosa si tratti, corri a dargli un’occhiata.

Statisticamente un asset che rispetta le dominance di mercato prosegue nel suo trend primario.

Questo significa che solo nel momento in cui abbiamo una chiara violazione di un livello di dominance possiamo valutare un’inversione di trend.

La conferma invece dell’avvenuta inversione l’abbiamo quando, non solo uno dei punti di dominance primaria viene violato, ma quando iniziano a susseguirsi una serie di massimi e minimi con direzionalità opposta al trend primario.

Un Trend resta tale fino a prova contraria

Conclusioni

Su questi principi si basa praticamente ogni moderna versione di analisi tecnica, il nostro compito come sempre non è quello di fidarci ciecamente di parole dette da altri ma di correre a grafico a verificare la veridicità e le statistiche connesse a questi assunti.

Così facendo, non solo avremo una visione più chiara di come queste parole prendono vita sul grafico, ma potremo valutare anche se aggiungere questo confluenze o meno, al nostro piano operativo.

Fateci sapere se conoscevate la storia di Charles Dow e se conoscete qualche altro studioso che ha preso ispirazione dai suoi principi 😉 , vi ringrazio per l’attenzione e alla prossima!


bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 16,411.03
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,211.89
tether
Tether (USDT) $ 0.999561
bnb
BNB (BNB) $ 300.01
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.393946
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.102408
cardano
Cardano (ADA) $ 0.309594
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.835270
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.28
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,193.71
litecoin
Litecoin (LTC) $ 75.92
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000009
dai
Dai (DAI) $ 1.00
okb
OKB (OKB) $ 20.42
tron
TRON (TRX) $ 0.053647
solana
Solana (SOL) $ 13.61
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.48
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 12.53
chainlink
Chainlink (LINK) $ 7.35
leo-token
LEO Token (LEO) $ 3.82
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 16,362.07
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 10.11
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 19.63
the-open-network
The Open Network (TON) $ 1.71
monero
Monero (XMR) $ 137.97
stellar
Stellar (XLM) $ 0.088789
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 111.06
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.239307
quant-network
Quant (QNT) $ 112.69
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.064214
apecoin
ApeCoin (APE) $ 4.08
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.34
vechain
VeChain (VET) $ 0.018554
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 1.61
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.049331
flow
Flow (FLOW) $ 1.11
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 3.92
frax
Frax (FRAX) $ 0.998954
elrond-erd-2
MultiversX (Elrond) (EGLD) $ 42.29
eos
EOS (EOS) $ 0.913256
terra-luna
Terra Luna Classic (LUNC) $ 0.000160
theta-token
Theta Network (THETA) $ 0.930156
huobi-token
Huobi (HT) $ 7.06
chain-2
Chain (XCN) $ 0.042603
tezos
Tezos (XTZ) $ 0.986195
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.565894
chiliz
Chiliz (CHZ) $ 0.163934
aave
Aave (AAVE) $ 61.46