2 min read 22 Mar 2023

FOMC concluso: importantissima decisione!

Di Gabriele Brambilla

In un momento di grande tensione dei mercati per i problemi al settore bancario, il FOMC odierno ha responsabilità ancor più grandi. Cosa si è deciso?

FOMC concluso: importantissima decisione!

I risultati del FOMC di marzo 2023

Ecco finalmente conclusa la riunione del FOMC, il comitato più importante della Federal Reserve americana. Un incontro fondamentale in un periodo delicatissimo per il settore bancario americano (e non solo).

Nelle scorse settimane abbiamo assistito a diversi fallimenti di istituti ritenuti solidi. La preoccupazione di un “2008-bis” aleggia tuttora nell’aria, anche se molti addetti ai lavori tendono a escluderla.

In ogni caso, quanto stabilito dal FOMC potrebbe aggravare o migliorare il contesto. Infatti, le politiche monetarie restrittive hanno avuto un ruolo di primo piano nell’avviare la crisi bancaria.

Previsioni non scontatissime alla vigilia dell’appuntamento.
La maggioranza optava per un ulteriore aumento dei tassi di 25 punti base, forse l’ultimo salvo sgradite sorprese.
Una discreta percentuale di previsioni davano come possibile nessun aumento, così da non aggravare ulteriormente il difficile contesto.

La Federal Reserve ha confermato il primo pronostico: i tassi d’interesse americani passeranno dall’attuale 4,75% al 5% (massimi dal 2007). Arriva quindi un aumento di 25 punti base, identico a quello del mese precedente.

Stando ai pareri che circolano, questo potrebbe essere l’ultimo intervento. Attenzione però perché è ancora tutto da confermare; infatti, alcuni esperti ritengono possibile un ultimo aumento di 25pb a maggio.

La CNBC riporta che “The Federal Reserve will hike interest rates just one more time in 2023 before the central bank ends its inflation battle”.

Secondo David Kelly, Chief Global Strategist di JPMorgan Asset Management, la FED sta avendo problemi a determinare il pivot. Dopo ormai un anno di aumenti ai tassi, si dovrebbe optare per un approccio più neutrale e amico dei mercati.

Criptovalute positive dopo l’annuncio ma ritornate ai livelli precedenti in pochi minuti. Bitcoin sempre sopra i 28.000 dollari.

Per i mercati, giornata di attesa in vista del FOMC.

Borse Europee poco mosse, come da tradizione quando ci sono in programma appuntamenti importanti.

Spostandoci negli States, dove il mercato è ancora aperto, i principali indici (S&P500, Nasdaq e Dow Jones) reagiscono positivamente alla notizia nei primi minuti. Superata la volatilità iniziale, il mini-pump si è un po’ ridimensionato.

Nella consueta conferenza stampa, Jerome Powell ha voluto rassicurare le banche, garantendo il massimo sostegno da parte della Federal Reserve.

Secondo il presidente della FED, la battaglia contro l’inflazione sarà ancora lunga. L’obiettivo resta fissato a un valore del 2%.

Spazio anche a un commento riguardo la situazione depositi bancari, ormai stabili a detta di Powell.

La crescita dei tassi d'interesse nel tempo

Dalla scorsa primavera, i tassi d’interesse americani sono cresciuti esponenzialmente, passando dallo 0,25 al 5% attuale. La Federal Reserve è intervenuta aggressivamente per contrastare l’elevata inflazione, arrivata a circa il 9% al suo massimo.

Ecco il grafico di TradingView riguardante l’evoluzione tassi d’interesse negli Stati Uniti.


Vediamo quali sono le future date importanti da segnare sul calendario.

Il prossimo meeting FOMC è previsto per i giorni 2 e 3 maggio. Neppure il tempo di rifiatare che sarà il turno della BCE, la cui riunione sulle politiche monetarie è attesa per il 4 maggio.

Ci attenderanno tre giorni piuttosto interessanti, da seguire con le cinture di sicurezza ben allacciate: Christine Lagarde, Presidente della Banca Centrale Europea, ha già fatto intendere che gli interventi dovranno proseguire a causa dell’elevata inflazione.

Seguimi sul mio canale YouTube per corsi gratuiti di trading e video di analisi approfonditi. Su Telegram potrai invece rimanere sempre aggiornato su tutto ciò che muove il mercato crypto in tempo reale!

X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere approfondimenti esclusivi e analisi ogni settimana.

Se ti iscrivi c’è un regalo per te!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 63,998.15
ethereum
Ethereum (ETH) $ 3,137.76
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 602.02
solana
Solana (SOL) $ 145.76
usd-coin
USDC (USDC) $ 0.999766
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 3,140.45
xrp
XRP (XRP) $ 0.522956
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.150298
the-open-network
Toncoin (TON) $ 5.48
cardano
Cardano (ADA) $ 0.472094
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000025
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 35.88
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 64,060.16
tron
TRON (TRX) $ 0.113599
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 476.93
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.88
chainlink
Chainlink (LINK) $ 14.45
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 6.82
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.703515
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 13.71
litecoin
Litecoin (LTC) $ 82.41
uniswap
Uniswap (UNI) $ 7.67
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.76
dai
Dai (DAI) $ 1.00
first-digital-usd
First Digital USD (FDUSD) $ 0.996023
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.117977
blockstack
Stacks (STX) $ 2.76
aptos
Aptos (APT) $ 9.00
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 26.07
mantle
Mantle (MNT) $ 1.10
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.124289
stellar
Stellar (XLM) $ 0.113605
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 8.41
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.98
render-token
Render (RNDR) $ 8.41
okb
OKB (OKB) $ 54.09
immutable-x
Immutable (IMX) $ 2.19
pepe
Pepe (PEPE) $ 0.000007
renzo-restaked-eth
Renzo Restaked ETH (EZETH) $ 3,064.00
bittensor
Bittensor (TAO) $ 452.02
dogwifcoin
dogwifhat (WIF) $ 2.96
xtcom-token
XT.com (XT) $ 2.98
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 1.11
vechain
VeChain (VET) $ 0.039502
kaspa
Kaspa (KAS) $ 0.119598
maker
Maker (MKR) $ 2,851.10
the-graph
The Graph (GRT) $ 0.267251
optimism
Optimism (OP) $ 2.40
wrapped-eeth
Wrapped eETH (WEETH) $ 3,244.76