2 min read 29 09 2022

Il Web3 può spiccare il volo dal “layer 0” Google Cloud

Il capo del dipartimento Web3 di Google, Richard Widmann, si è dichiarato speranzoso per quanto riguarda un futuro decentralizzato e multichain, a partire dallo stesso “Cloud”

Il Web3 può spiccare il volo dal “layer 0” Google Cloud

Google e Web3

Per certi versi, Google potrebbe puntare a diventare un punto di riferimento anche nel Web3. O almeno, questa è l’idea che si è fatto Richard Widmann, intervistato recentemente su più testate online americane. Il gigante del Web2, infatti, potrebbe essere ideologicamente allineato con molti dei valori fondamentali delle criptovalute, inclusi lo sviluppo open source e la decentralizzazione.

Per questo, proprio in Google si sta lavorando per un “ponte gigante” tra blockchain e i servizi del Cloud, che potrebbero includere quelli di “nodo”, ovvero una componente costitutiva e fondamentale per il Web3.

I nodi di Google, in prospettiva, dovranno essere infatti anche sufficientemente decentralizzati a livello globale per poter essere resilienti a cose come interruzioni di Internet o disordini politici.

Il tema decentralizzazione

D’altra parte, sempre Google dovrà stare attenta a non compromettere o vanificare lo scopo della tecnologia decentralizzata, visto che le grandi aziende tecnologiche, come la stessa Google (appunto) o Amazon, potrebbero potenzialmente controllare la stragrande maggioranza dei nodi blockchain.

E questo, partendo dal presupposto che non tutto può o dovrebbe essere il più decentralizzato possibile.

“Se si provasse a costruire un data center con un gruppo di partecipanti a una DAO, sono sicuro che si potrebbe raccogliere il capitale, ma non so davvero se ci si potrebbe coordinare attorno a quel tipo di risorse, per poi costruirlo effettivamente”, ha dichiarato Widmann. “Ci sono alcune cose per cui un registro distribuito e resistente alla censura ha senso, e molte cose che non richiedono registri immutabili”.

Google Cloud, in questo senso, si vede in un futuro come “indipendente”, lasciando che i protocolli layer 1 si basino su di esso in competizione l’uno con l’altro.

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 17,234.28
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,284.45
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 290.06
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.392062
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.098629
cardano
Cardano (ADA) $ 0.314630
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.926355
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.40
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,269.42
litecoin
Litecoin (LTC) $ 78.08
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000009
okb
OKB (OKB) $ 20.84
dai
Dai (DAI) $ 1.00
solana
Solana (SOL) $ 13.72
tron
TRON (TRX) $ 0.054523
uniswap
Uniswap (UNI) $ 6.13
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 13.45
leo-token
LEO Token (LEO) $ 3.78
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 17,204.56
chainlink
Chainlink (LINK) $ 7.00
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 9.86
the-open-network
Toncoin (TON) $ 1.83
monero
Monero (XMR) $ 147.52
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 19.29
stellar
Stellar (XLM) $ 0.085579
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 111.91
quant-network
Quant (QNT) $ 122.93
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.064623
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.225212
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.44
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 1.72
apecoin
ApeCoin (APE) $ 3.94
vechain
VeChain (VET) $ 0.019059
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.048194
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 4.27
eos
EOS (EOS) $ 1.04
elrond-erd-2
MultiversX (Elrond) (EGLD) $ 46.00
flow
Flow (FLOW) $ 1.04
trust-wallet-token
Trust Wallet (TWT) $ 2.60
terra-luna
Terra Luna Classic (LUNC) $ 0.000173
frax
Frax (FRAX) $ 1.00
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 8.16
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.590730
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.01
aave
Aave (AAVE) $ 62.97
chain-2
Chain (XCN) $ 0.040934
theta-token
Theta Network (THETA) $ 0.876047