Cos’è la Proof of Reserves, e perché è fondamentale

La Proof of Reserves (PoR) consiste in una verifica della trasparenza delle società in rapporto alla gestione delle proprie “riserve” di valore. Ovvero il criterio per giudicarne la salute finanziaria

Cos’è la Proof of Reserves, e perché è fondamentale

Proof of Reserves: a che serve?

La Proof of Reserves (PoR) non è che una verifica della trasparenza di una società, nonché della sua “salute” finanziaria, misurata in questo caso tramite un rapporto imparziale delle attività di “riserva” di quest’ultima. In sostanza, dei revisori di terze parti accedono al saldo totale delle attività dei clienti di una determinata società (un exchange, per esempio), e assicurano che il custode di tali attività disponga di una quantità uguale (o superiore) di attività di “riserva”, utile per coprire tutti i potenziali prelievi dei clienti.

Vien da sé che una dinamica del genere sia diventata estremamente popolare negli ultimi tempi, a seguito di vari fallimenti di alcuni dei protagonisti dell’industria crypto, in primis FTX. Di fatto, la Proof of Reserves dovrebbe prevenire una crisi di liquidità in uno scenario di “bank run”, ma è in primo luogo un modo per fornire trasparenza agli utenti su dove si trovano i loro fondi.

E per fare ciò, questi revisori sfruttano la natura stessa della blockchain, che già di per sé consente di controllare in modo sicuro una società crypto senza esporre alcun dato privato dell’utente.

Come detto, quindi, la PoR non fa che riportare i risultati di un audit di terze parti, mostrando se i fondi dei clienti sono sicuri o meno in funzione della capacità della società di supportare i depositi.

Le società crypto, a loro volta, possono pubblicare periodicamente i risultati degli audit, o in alternativa a consentire ai clienti di tracciare in tempo reale le proprie riserve.

Il post-FTX

Tutta la vicenda FTX, ma non solo (si pensi a Three Arrows Capital, Celsius o Genesis), ha fatto sì che la Proof of Reserves sia diventata uno strumento estremamente popolare. E allo stesso modo, il fatto che gli exchange competitor siano stati i primi a spingere in questa direzione, come per esempio Binance.

E in prospettiva, l’importanza della PoR sembra poter crescere ancora, se si pensa a come potrebbe essere funzionale anche i relazione alle attività delle autorità di regolamentazione, che cercano sempre di più di stabilire nuovi standard di settore per proteggere i consumatori. E la Proof of Reserves, ad oggi, sembra essere il modo più sicuro e trasparente per garantire che i fondi dei clienti siano al sicuro.

"L’importanza della PoR sembra poter crescere ancora, se si pensa a come potrebbe essere funzionale anche i relazione alle attività delle autorità di regolamentazione"

PoR: come funziona

Nello specifico, un revisore (o “auditor”) crea un’istantanea di tutti i fondi della società in questione, mostrando così una prova del fatto che la piattaforma crypto analizzata abbia tutte le risorse necessarie per coprire le proprie passività in ogni momento.

Da un lato, questo consente ai clienti di avere la certezza che la società a cui si sta affidando i propri asset non sia a rischio di una crisi di liquidità, dall’altro rende possibile ritirare i propri fondi in qualsiasi momento, potendo così affrontare anche lo scenario peggiore di una “bank run”.

In genere, questo servizio è reso possibile da una struttura di dati sicura nota come albero Merkle (o albero “hash”), che consiste nell’aggregare il totale dei fondi dei clienti di una data piattaforma senza però esporre (in teoria) nessuna informazione privata.

La “radice” Merkle, a sua volta, consiste in un’impronta digitale a prova di manomissione, a cui gli auditor possono accedere per verificare le informazioni sui fondi. Questo meccanismo, che è alla base della blockchain stessa, mantiene i dati al sicuro e protetti da eventuali hack. E il fatto che questi controlli possano essere fatti in tempo reale consente ai clienti di avere una garanzia di monitoraggio anche (e soprattutto) in momenti in cui i movimenti del mercato possono compromettere il mantenimento della giusta liquidità.

PoR: come funziona

I limiti della Proof of Reserves

Se, come sottolineato, la forza della PoR consiste nell’offrire garanzie che una società crypto possa avere le risorse per coprire le proprie passività, un limite è rappresentato dall’impossibilità di garantire una contabilità per un flusso costante di tempo. Per intenderci, si può effettuare un’istantanea in tempo reale, ma non un “filmato”. E in questo senso si possono verificare esclusivamente gli asset on-chain del depositario, ma non la provenienza di tali beni, i quali potrebbero anche essere stati presi in prestito proprio in funzione della revisione contabile.

Un altro limite, invece, è rappresentato dalla natura di queste riserve. Le attività considerate “riserve” sono infatti crypto che offrono una forte liquidità, e la società in questione potrebbe benissimo vendere attività di altra natura per coprire prelievi o altre passività, se necessario. In genere, per quanto riguarda le criptovalute, gli asset più utilizzati sono Bitcoin, Ethereum o stablecoin come USDT, USDC o BUSD.

Il risultato di una PoR

Il completamento di un audit, in genere, comporta un’”attestazione”. Questa mostra reale condizione delle riserve di una società, e viene solitamente rielaborata secondo un programma regolare, mensile o trimestrale. Alcune società, invece, consentono che questa possa essere effettuata in tempo reale sul proprio sito Web.

Per quanto riguarda gli exchange, questi non sono tenuti a offrire un servizio del genere, in quanto non esiste ancora un regolamento ufficiale in questo senso. Tuttavia, la sua importanza è ormai palese, e anche una norma potrebbe arrivare presto, soprattutto alla luce delle condizioni del mercato e degli utenti rimasti coinvolti in faccende poco trasparenti per tutto il 2022. Ovviamente, per le piattaforme DeFi questo discorso non può essere applicato, in quanto queste non sono società detentive.

Ad ogni modo, la PoR sembra essere un passo fondamentale nella direzione della società crypto del futuro, capace di garantire la sicurezza dei fondi dei clienti, e di mantenere un livello di liquidità sufficiente. E questo, nonostante i limiti evidenziati, come il mancato monitoraggio delle passività aziendali.


X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter. Niente spam, promesso!

Accetto le privacy policy, per info leggi qui

Inoltre se ti iscrivi c'è un regalo per te: un report sui trend da seguire del 2023!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 23,910.41
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,682.72
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 329.97
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.415877
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
cardano
Cardano (ADA) $ 0.406815
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.093230
matic-network
Polygon (MATIC) $ 1.23
okb
OKB (OKB) $ 40.49
solana
Solana (SOL) $ 25.15
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,676.64
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.72
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000012
litecoin
Litecoin (LTC) $ 100.59
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 22.10
tron
TRON (TRX) $ 0.064796
uniswap
Uniswap (UNI) $ 7.30
dai
Dai (DAI) $ 1.00
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 14.65
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 23,908.41
chainlink
Chainlink (LINK) $ 7.34
the-open-network
Toncoin (TON) $ 2.38
monero
Monero (XMR) $ 177.16
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 22.90
leo-token
LEO Token (LEO) $ 3.37
aptos
Aptos (APT) $ 17.69
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 140.22
stellar
Stellar (XLM) $ 0.093625
apecoin
ApeCoin (APE) $ 6.12
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 2.53
quant-network
Quant (QNT) $ 147.37
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.65
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.081779
lido-dao
Lido DAO (LDO) $ 2.39
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.262476
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.069177
vechain
VeChain (VET) $ 0.024788
fantom
Fantom (FTM) $ 0.623782
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 5.97
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.817351
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 11.65
aave
Aave (AAVE) $ 91.37
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.770828
eos
EOS (EOS) $ 1.10
flow
Flow (FLOW) $ 1.15
elrond-erd-2
MultiversX (EGLD) $ 46.12
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.10
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.13