12 min read

Kaspa, il network che guarda a Bitcoin

Di Gabriele Brambilla

Nata con l'obiettivo di raggiungere gli obiettivi che Bitcoin ha mancato, Kaspa è la non-blockchain del momento

Kaspa, il network che guarda a Bitcoin

Introduzione a Kaspa

Pronti a scoprire uno dei progetti più in voga di questi tempi? Stiamo parlando di Kaspa, la non-blockchain dalle alte prestazioni, gas fee irrisorie, decentralizzata e sicura.

Come da prassi, parleremo di vari punti che riguardano questa realtà, partendo dal capire di che cosa si tratta, passando per le tokenomics e, infine, mettendone in luce i punti deboli.

Se anche tu hai sentito parlare di Kaspa e ha iniziato a incuriosirti, hai trovato l’articolo che fa per te. Buona lettura!

Che cos'è la blockchain Kaspa

Contraddicendo da subito il titolo del paragrafo, Kaspa non è una blockchain; viene invece definita BlockDAG… capiamo meglio che cosa significa.

Una normale blockchain lavora nel modo che ben conosciamo, ossia producendo dei blocchi che vengono messi in sequenza tra loro. Volendo rappresentarla, essa assumerebbe questa forma:

blockchain sequenza blocchi

Il BlockDAG è totalmente differente e non va a creare questa sequenza precisa, ma riordina una serie di blocchi nella maniera migliore possibile. Kaspa si presenta quindi in questo modo:

blockdag sequenza blocchi

Questo network non è l’unico a impiegare una soluzione di questo tipo; ma quali sono le motivazioni che hanno spinto gli sviluppatori a ricorrere al BlockDAG (DAG sta per Directed Acyclic Graph)?

La “responsabilità” è da attribuire al blocktime di Kaspa, che al momento è di 1 secondo, ma punta a crescere parecchio fino a raggiungere in futuro 10 o addirittura 100 blocchi per secondo. Una velocità così spinta non dà a tutti i nodi il tempo necessario per validare le transazioni; di conseguenza, si creano dei parallelismi all’interno della chain, cosicché si possa continuare a spingere sull’acceleratore, senza però incontrare errori o problematiche tecniche.

In seguito, i blocchi vengono riordinati e connessi tra loro mediante uno speciale algoritmo di consenso molto complesso (chiamato Phantom, ma che nulla c’entra con l’omonimo wallet).

Le transazioni di Kaspa seguono una struttura simile a quella di Bitcoin, cioè che vengono spesi gli output delle vecchie transazioni divenendo gli input di quelle nuove. In questo modo si preserva la trasparenza e si può seguire tutto lo storico delle crypto mosse sino all’origine. Per saperne di più su queste caratteristiche tecniche, segui il nostro corso gratuito su Bitcoin e Criptovalute.

Il consenso di Kaspa è il Proof-of-Work, basato quindi sul mining; torneremo su questo punto in seguito.

Qual è l'obiettivo di Kaspa?

Secondo le persone dietro il progetto, BTC non è riuscita a diventare una currency vera e propria, affermandosi invece come riserva di valore. Kaspa punta quindi a diventare una sorta di “BTC migliore”, riuscendo a diventare per davvero una moneta di scambio.

Per raggiungere questo obiettivo si devono avere tre elementi: scalabilità, decentralizzazione e sicurezza. Non a caso, il team di Kaspa sostiene di aver risolto il ben noto blockchain Trilemma.

In effetti, il progetto si comporta bene su tutti e tre gli aspetti, ma occorrerà ancora del tempo per sapere se effettivamente sarà in grado di tenere botta alle sfide che si presenteranno sul percorso.

Il team dietro Kaspa

L’ideatore del progetto Kaspa è Yonatan Sompolinsky, ingegnere e ricercatore israeliano, affiancato da due colleghi, Shai Wyborski e Aviv Zohar.

Yonatan Sompolinsky iniziò a farsi conoscere già nel 2013, quando il suo protocollo GHOST (sviluppato con l’allora suo professore Aviv Zohar), fu citato addirittura nel whitepaper di Ethereum.

Oggi Sompolinskly occupa una posizione post dottorato alla prestigiosa università di Harvard.

Il resto del team è visibile sulla pagina dedicata del sito di Kaspa, compresi anche i canali social di ogni singolo elemento.

Tokenomics di KAS, la coin del progetto

La coin di Kaspa si chiama KAS e detiene un ruolo fondamentale.

Partiamo parlando del tasso di emissione, particolarmente spinto nei primi tre anni di vita del network, ma destinato ad stabilizzarsi già dopo 5/6 anni. Nota importante: Kaspa esordì nel novembre 2021.

Annualmente vi è una sorta di halving, distribuito però mese per mese secondo una specifica funzione geometrica che riduce l’emissione di KAS.

Emissione KAS Kaspa

La supply attuale è di circa 24,1 miliardi di esemplari, con un massimo fissato a 28,7 miliardi. Quindi, è in circolazione già gran parte di tutte le coin.

La market cap a luglio 2024 si aggira intorno ai 4 miliardi di dollari, cresciuta enormemente nell’ultimo anno.

È possibile seguire il prezzo in tempo reale su portali come CoinMarketCap e CoinGecko, o piattaforme specifiche come TradingView. Il grafico che segue è proposto proprio da quest’ultima.

Mining di KAS

Come dicevamo, Kaspa si basa sul Proof-of-Work. La scelta è dovuta alle caratteristiche del PoW stesso, tra cui massima sicurezza, decentralizzazione e longevità.

Il mining su Kaspa vede degli attori differenti rispetto a quello di bitcoin. Qui sono incentivati a partecipare anche singoli miner privi di farm specializzate: bastano pochi ASIC per mettersi all’opera. Ciò è dovuto al blocktime ridotto, che rende possibile anche ai più piccoli di estrarre delle coin e ottenere dei guadagni. Inoltre, l’hashrate totale del network non è lontanamente paragonabile a quello di bitcoin; la competizione è dunque inferiore.

I miner di Kaspa possono ancora impiegare le schede grafiche (GPU), anche se la crescita rapida dell’hashrate premia sempre più i dispositivi dedicati, gli ASIC appunto.

Per adesso, il rientro dall’investimento quando si acquista un ASIC, chiaramente in Paesi in cui l’energia elettrica ha costi ridotti, è rapido e non paragonabile a quello di altre chain, tra cui Bitcoin in primis. Però, sappiamo che le cose non sono destinate a restare tali: se il network proseguirà a espandersi, con esso aumenterà anche l’hashrate e, data la crescente competizione, diminuiranno i guadagni.

Ecco una panoramica sulla potenza di calcolo totale del network Kaspa (in blu) e dell’andamento del prezzo della coin KAS aggiornata a luglio 2024.

Mining di KAS

Punti di forza e debolezze di Kaspa

Come abbiamo visto finora, Kaspa è un progetto con tanti punti di forza. Sicuramente, mettere d’accordo scalabilità, decentralizzazione e sicurezza è un’impresa non da poco che rende il network meritevole di essere seguito.

In aggiunta, in apertura dicevamo che le gas fee sono molto contenute; pensate, solo 0,0001 KAS per UTXO. Costi assolutamente irrisori, che spingono gli utenti a utilizzare il network per scambiare valore.

Ci sono però anche delle debolezze, o quanto meno dei punti critici su cui riflettere.

Il primo punto è relativo proprio alle gas fee: costando così poco e diminuendo costantemente i premi per i miner, si arriverà al punto in cui il network potrebbe faticare ad andare avanti. Dopotutto, chi vuole fare mining, investendo anche molto denaro, per poi non generare guadagno? Se questo interrogativo c’è anche nel futuro di BTC, in Kaspa è ancor più grande e imminente.

Restando sul tema denaro, chi finanzia il progetto?

Kaspa non ha fatto ICO né è coperta da investitori. Ciò è lodevole, ma al tempo stesso potrebbe creare problemi nel portare avanti lo sviluppo. Per adesso, è la community che contribuisce alla causa mediante fund raising, ma sarà sempre così?

Spostiamoci sul codice creato da zero e che quindi deve ancora essere testato a fondo e superare i momenti di stress. Bitcoin ci è già passata e ha dato prova di resilienza, mentre Kaspa è solo agli inizi.

Legato al confronto con la blockchain più famosa al mondo, Kaspa non ha la sua storia e viene da sorridere pensandola come alternativa a Bitcoin, almeno per ora. Il responso arriverà solo con il passare del tempo.

Conclusioni

Si conclude così questo approfondimento su Kaspa, la cui tecnologia è molto interessante, ma c’è ancora tanta strada da fare prima di potersi affermare definitivamente.

Invitiamo a valutare con molta attenzione l’investimento in KAS: trattandosi di una altcoin, potrebbero esserci variazioni di prezzo improvvise e ampie.

Vuoi saperne ancora di più? Ecco il nostro video di approfondimento su Kaspa!


X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere approfondimenti esclusivi e analisi ogni settimana.

Se ti iscrivi c’è un regalo per te!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 65,789.63
ethereum
Ethereum (ETH) $ 3,441.75
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 583.35
solana
Solana (SOL) $ 172.84
usd-coin
USDC (USDC) $ 0.999117
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 3,440.13
xrp
XRP (XRP) $ 0.595886
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.130437
the-open-network
Toncoin (TON) $ 6.89
cardano
Cardano (ADA) $ 0.408442
tron
TRON (TRX) $ 0.134031
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 28.73
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 65,843.64
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000017
chainlink
Chainlink (LINK) $ 13.81
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.92
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 365.86
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 5.68
uniswap
Uniswap (UNI) $ 7.65
litecoin
Litecoin (LTC) $ 72.65
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.80
dai
Dai (DAI) $ 1.00
wrapped-eeth
Wrapped eETH (WEETH) $ 3,596.73
pepe
Pepe (PEPE) $ 0.000012
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.534390
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 9.73
kaspa
Kaspa (KAS) $ 0.176304
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 23.78
ethena-usde
Ethena USDe (USDE) $ 0.998836
aptos
Aptos (APT) $ 7.02
fetch-ai
Artificial Superintelligence Alliance (FET) $ 1.29
monero
Monero (XMR) $ 161.29
stellar
Stellar (XLM) $ 0.101259
mantle
Mantle (MNT) $ 0.879069
dogwifcoin
dogwifhat (WIF) $ 2.62
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 0.774985
blockstack
Stacks (STX) $ 1.75
maker
Maker (MKR) $ 2,758.60
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.43
render-token
Render (RENDER) $ 6.42
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.092570
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.067943
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 6.20
okb
OKB (OKB) $ 40.05
immutable-x
Immutable (IMX) $ 1.53
injective-protocol
Injective (INJ) $ 24.11
vechain
VeChain (VET) $ 0.028848
bittensor
Bittensor (TAO) $ 321.93
optimism
Optimism (OP) $ 1.85