7 min read

Come acquistare bitcoin senza KYC: alcune opzioni

Solitamente, l'acquisto di bitcoin e altre criptovalute da fiat currency richiede la procedura KYC. Ecco qualche opzione per evitarla, preservando così i nostri dati personali

Come acquistare bitcoin senza KYC: alcune opzioni

Come acquistare bitcoin senza documenti

Come acquistare bitcoin senza fornire documenti d’identità secondo la procedura KYC?

Molti investitori in criptovalute si chiedono come poter preservare la privacy. In questo articolo scopriremo qualche servizio che consente di evitare noiosi passaggi burocratici.

Prima però spendiamo qualche parola sul perché dovrebbe interessarci l’opportunità di dribblare la KYC (Know Your Customer).

Diciamo subito che chi fosse alla ricerca di un metodo per nascondersi dall’Agenzia delle Entrate rimarrà deluso. In più, le criptovalute vanno dichiarate per legge, non si scappa.

Il nostro focus è sull’importanza della tutela dei dati personali.

Fornendo i documenti a un exchange condividiamo delle informazioni sensibili con terzi. Oltre alla possibilità che queste vengano poi passate ad altri attori (leggere bene i contratti, mi raccomando) c’è sempre il rischio di un’eventuale fuga di dati. Non inviando alcun documento siamo invece al riparo da qualsiasi evenienza.

A livello fiscale non cambia invece nulla: probabilmente utilizzeremo il bonifico bancario come mezzo per depositare fondi, perciò tutto sarà tracciabile. Se i nostri soldi provengono da attività lecite, nessun problema: siamo liberi di fare ciò che vogliamo.

I servizi che seguono sono perlopiù realtà svizzere, Paese in cui la legge non impone la KYC al di sotto di una certa soglia (900€). Perciò, essi sono adatti alla stragrande maggioranza delle operazioni più comuni come piccoli acquisti, piani di accumulo e via dicendo.
Nel caso in cui volessimo invece muovere cifre consistenti saremo obbligati a registrarci al giusto exchange crypto.

Esploriamo quindi alcune alternative. Esistono altre realtà ma ci siamo soffermati su soluzioni affidabili e che supportano i depositi in euro. Prestare sempre massima attenzione a fee ed eventuali asterischi prima di procedere.

Relai app bitcoin

Il primo servizio della nostra lista è Relai, compagnia con sede in Svizzera tra le migliori sulla piazza.

Sfruttando la normativa di questo Paese, Relai consente di acquistare bitcoin senza KYC fino a un massimo di 950€ giornalieri e 90.000 annuali. Dopodiché, la verifica dei documenti diventa indispensabile.
Questo limite consente di mantenere una buona operatività, eliminando però il fastidio di condividere i propri dati con un exchange.

Il servizio proposto è interamente mobile, adatto quindi alla frenetica vita di tutti i giorni. L’applicazione è ben sviluppata e piuttosto intuitiva, adatta anche a chi si affaccia per la prima volta alle criptovalute.

Il wallet fornito dall’app è di tipo non custodial. Ciò è positivo: significa che i bitcoin depositati sono totalmente in nostro possesso.

Inoltre, Relai permette di impostare acquisti settimanali o mensili automatici, caratteristica perfetta per portare avanti un piano di risparmio o di accumulo del capitale (PAC).

Come dicevamo, l’azienda ha sede in Svizzera ed è piuttosto conosciuta nel settore. Stando a quanto riportato sul sito, la piattaforma ha finora gestito oltre 50 milioni di franchi svizzeri in compravendita di bitcoin. Tutto ciò in pochi anni: Relai è operativa dal 2020.

Le commissioni sono in linea con gli altri player del mercato (salvo Binance): tra l’1 e il 2,5%, in base al tipo di transazione.

Relai commissioni acquisto bitcoin

Più nello specifico, Relai distingue le commissioni su acquisti e vendite.

Nel primo caso, la base di partenza è del 2,5%. Questa quota cala in funzione a determinate azioni o particolarità:

  • -0,5% sugli ordini ricorrenti.
  • -0,5% utilizzando il codice referral Relai.
  • -0,5% se il controvalore è uguale o superiore a 100 CHF/EUR.

Quanto alle vendite, la commissione iniziale è del 2%. Anche in questo caso, essa può diminuire secondo queste regole:

  • -0,5% grazie al referral.
  • -0,5% se il controvalore è uguale o superiore a 100 CHF/EUR.

Attenzione alle commissioni di rete: inviando e ricevendo bitcoin potremmo dover sostenere dei costi extra. Questa osservazione è valida in generale e non solo riguardo a questo exchange.

Ultima nota ma non per importanza: a oggi, Relai supporta esclusivamente i bonifici bancari come forma di versamento. Prima di inviare fondi, è indispensabile verificare gli eventuali costi applicati dalla nostra banca, così da evitare spiacevoli sorprese.

Concludendo, Relai è un ottimo servizio per acquistare bitcoin senza KYC.

Inserendo il codice referral GATEWAY (scarica qui l’app di Relai) potrai usufruire di una riduzione delle commissioni. In aggiunta, muovendo almeno 100€ di controvalore riuscirai ad abbassarle ulteriormente.

Consigliato!

Relai app bitcoin

Bitkipi app bitcoin

Spostiamoci su Bitkipi, altro servizio semplicissimo per acquistare bitcoin in tranquillità e senza dover fornire alcun documento.

Come per Relai, la KYC non è richiesta fino a 900€ di controvalore giornaliero e 90.000 annuali. Una volta superato questo importo, l’identificazione del cliente diventa obbligatoria.

Bitkipi è un’applicazione mobile, scaricabile sia su dispositivi Apple che Android. C’è inoltre la possibilità di installarla su computer tramite appositi emulatori, utilizzando il file APK scaricabile dal sito ufficiale. Ovviamente, quest’ultima possibilità richiede un po’ di manualità.

Tramite Bitkipi si possono acquistare bitcoin pagando in euro, partendo da una cifra minima di 10. Anche in questo caso, l’invio dei fondi viene fatto mediante bonifico e vale la raccomandazione di prima: verificare i costi applicati dalla banca prima di procedere.

Anche Bitkipi offre un wallet non custodial, proprio come Relai. Perciò, tranne l’utente, nessuno avrà accesso ai bitcoin su di esso.
Comunque, i massimi standard di sicurezza sono ottenibili solo impiegando un hardware wallet. Se i tuoi fondi sono consistenti, dovresti considerare un Ledger, il dispositivo di riferimento nel panorama crypto. In questo articolo parliamo a fondo di Ledger Nano X.

Tornando a Bitkipi, oltre alla possibilità di impostare acquisti automatici, interessante la funzionalità portafogli multipli. Grazie a essi saremo in grado di creare vari piani di accumulo, oppure semplicemente tenere separati i fondi.

Le commissioni sono al 2,5%. Aspetto molto positivo, non sono applicati costi aggiuntivi (come lo spread).

Ogni acquisto di bitcoin viene svolto su Kraken dal broker di Bitkipi. Dopodiché, i fondi vengono girati all’utente. Perciò, la compagnia si pone come una sorta di intermediario tra il cliente finale e l’exchange classico.

Bitkipi app bitcoin

Bisq exchange bitcoin e crypto

Passiamo dal mondo mobile a un software per computer.

Bisq è un exchange che rende possibile l’acquisto di bitcoin e altre criptovalute senza identificare l’utente.

Il servizio accetta diversi metodi di pagamento: dal bonifico SEPA a N26, arrivando anche a Satispay. Inoltre, è previsto il supporto a diverse criptovalute fra cui Litecoin (LTC) ed Ethereum (ETH). In base alla tipologia di profilo, sono presenti dei limiti nel controvalore; essendo diversi e soggetti a variazioni, invitiamo a consultare la documentazione al momento del versamento.
Di base, il massimo iniziale è impostato a 0,01 BTC.

Bisq opera tramite un software peer-to-peer, il che lo rende molto diverso rispetto alle applicazioni viste finora. Il risultato è un exchange più completo ma, al tempo stesso, complesso. Non rappresenta la miglior scelta per un utente alle prime armi, è bene sottolinearlo.

Le commissioni variano in base all’operatività, seguendo lo schema maker-taker presente in altre realtà. Inoltre, dovremo sostenere anche le spese del network.

Per contenere i costi, si consiglia di operare nei momenti in cui le gas fee sono più economiche. In aggiunta, meglio ridurre le azioni e impacchettarle in un’unica transazione.

Il servizio proposto da Bisq è valido ma necessita di un po’ di conoscenze, abbinate a un carico di lavoro extra. Insomma, non una soluzione adatta a chiunque.

Bisq exchange bitcoin e crypto

Bity exchange crypto

Eccoci a Bity, altra compagnia con sede in Svizzera.

In questo caso, non dovremo installare alcuna app né software: si fa alla vecchia maniera, tutto da computer e browser.

Oltre ai bitcoin, Bity propone la compravendita di Ethereum e della stablecoin USDC.

Dovremo pensare noi al wallet crypto: quest’azienda è un broker e non offre funzionalità di questo tipo.

Il servizio consente di acquistare criptovalute senza account fino a un controvalore massimo di 1000 CHF, pagabili anche in Euro. Superata la soglia, dovremo iscriverci.

Esistono tre tipi di account: Standard, Advanced ed Expert. Ciascuno di essi prevede precisi limiti per transazione, giornalieri e annuali (salvo Expert, privo di soglie giornaliere e annuali).

Le fee variano in base al controvalore e vengono mostrate durante la procedura di acquisto. È prevista una commissione aggiuntiva per le operazioni svolte senza un account.
Per dare un’idea dei costi, volendo comprare 500€ in BTC oggi spenderemmo 3,98€ in fee e 2,00 di commissione extra. A queste cifre dovremmo poi sommare i costi del network.

Sicuramente Relai e Bitkipi si dimostrano servizi più adatti alla vita di tutti i giorni. Però, Bity ha il vantaggio di essere usufruibile senza alcuna installazione: in pochi minuti si possono comprare e vendere criptovalute.

Bity exchange crypto

ATM bitcoin e criptovalute

Infine, eccoli qua: gli ATM bitcoin e crypto!

Se vogliamo acquistare BTC e altre valute senza fornire i nostri dati personali, questi speciali bancomat sono una valida alternativa.

Attenzione però perché non è tutto oro ciò che luccica.

Prima di tutto, le norme sono in continua evoluzione. Perciò, alcuni apparecchi richiedono la registrazione e un documento al superamento di una certa soglia. Altri necessitano della verifica a prescindere dalla somma: dipende!

Poi, un altro aspetto da non sottovalutare sta nei costi. Essendo rari e poco conosciuti, gli ATM crypto sono tutto fuorché economici: applicano fee elevate e propongono tassi di cambio non vantaggiosi per l’utente.

Infine, come accennato, la poca diffusione: non è scontato avere vicino a casa un bancomat dedicato alle criptovalute.

Insomma, a meno di particolari situazioni, gli ATM bitcoin e crypto andrebbero impiegati solo come estrema soluzione. Il tempo renderà questi apparecchi più sostenibili economicamente; fino ad allora, facciamo bene i conti prima di optare per questa categoria.

ATM bitcoin e criptovalute

KYC, bitcoin e criptovalute: conclusioni

Dopo questo approfondimento sappiamo che è possibile acquistare bitcoin senza essere obbligati a fornire l’identità.

Certo, esistono dei limiti dettati dalla legge ma parecchi utenti operano al di sotto. Perciò, è possibile salvaguardare la propria privacy senza rinunciare alle criptovalute.

Questo approfondimento non vuole essere un attacco a tutti gli altri exchange crypto, anzi: queste realtà seguono quanto prescritto dalle norme e dovremmo esserne ben felici!

Però, è giusto mettere in luce anche delle alternative che tutelino la privacy, almeno fino a un certo livello.

Quindi, ora lo sappiamo: si possono comprare bitcoin senza registrazione, basta scegliere uno dei servizi di cui abbiamo appena parlato!

Ne conosci altri? Faccelo sapere sui nostri canali social: potrebbe essere interessante per tutti quanti!


bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 19,981.37
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,127.25
tether
Tether (USDT) $ 1.00
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 0.998055
bnb
BNB (BNB) $ 235.57
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 0.997295
xrp
XRP (XRP) $ 0.320924
cardano
Cardano (ADA) $ 0.453876
solana
Solana (SOL) $ 35.51
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.067081
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.87
dai
Dai (DAI) $ 1.00
tron
TRON (TRX) $ 0.067508
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000010
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.83
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 20,007.00
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 18.23
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,094.89
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.512336
litecoin
Litecoin (LTC) $ 49.80
ftx-token
FTX (FTT) $ 25.30
okb
OKB (OKB) $ 12.38
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.116008
chainlink
Chainlink (LINK) $ 6.23
stellar
Stellar (XLM) $ 0.108783
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 8.81
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.39
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.38
monero
Monero (XMR) $ 124.26
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.306552
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 14.95
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 103.99
theta-fuel
Theta Fuel (TFUEL) $ 0.050092
chain-2
Chain (XCN) $ 0.083683
vechain
VeChain (VET) $ 0.023029
flow
Flow (FLOW) $ 1.57
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 1.24
apecoin
ApeCoin (APE) $ 4.86
frax
Frax (FRAX) $ 0.996951
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.52
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.892135
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 5.47
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.061208
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.48
elrond-erd-2
Elrond (EGLD) $ 54.18
true-usd
TrueUSD (TUSD) $ 0.997527
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.20
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 14.34
bitcoin-sv
Bitcoin SV (BSV) $ 53.89
eos
EOS (EOS) $ 0.977117