12 min read

Kraken: un altro big tra gli exchange crypto

Di Gabriele Brambilla

L'exchange Kraken è molto noto nel mondo crypto. Conosciamone meglio caratteristiche, funzionalità e commissioni

Kraken: un altro big tra gli exchange crypto

Introduzione all'approfondimento

No, non stiamo parlando del Kraken di Pirati dei Caraibi: in questo articolo tratteremo di uno degli exchange più rinomati e grandi dell’intero panorama crypto.

Affiancato ad altri giganti come Binance, Coinbase e Kucoin, Kraken rappresenta una valida scelta per investitori e trader crypto di vari livelli di esperienza e conoscenza.

Oggi andremo a conoscerlo a fondo, dedicandoci soprattutto alle principali funzionalità e ai costi, in modo tale da avere a disposizione tutto ciò che serve per decidere se effettivamente fa al caso nostro.

Come sempre, iniziamo da un po’ di storia e una panoramica generale, per poi rispondere alle domande più comuni e analizzare i punti fondamentali.

Storia e funzionalità

Kraken cominciò a operare nel 2011 e ha base a San Francisco, negli Stati Uniti. I fondatori sono Jesse Powell, Thanh Luu e Michael Gronager. Fun fact: Powell lavorò come consulente presso Mt. Gox; egli iniziò a sviluppare Kraken vedendolo come un sostituto del defunto exchange, anticipandone la caduta.

CEO fino a settembre 2022, Powell lasciò il posto a Dave Ripley, tuttora in carica.

Il ruolo di Kraken in questi anni è stato molto rilevante. Non a caso, si tratta del primo exchange a essere listato sul Bloomberg Terminal. La valutazione della compagnia a metà 2022 era di 10,8 miliardi di dollari.

Nel tempo, Kraken ha avuto alcuni problemi con gli enti regolatori, cosa peraltro condivisa anche da altre società di questo tipo (vedi ad esempio Binance).

Da semplice exchange di criptovalute, esso si è evoluto aggiungendo sempre più servizi. Nel 2023, Bloomberg rese nota l’intenzione di Kraken di ampliare il raggio d’azione anche al di fuori delle crypto, integrando azioni americane ed ETF.

Oggi l’azienda è presente in 190 Stati e offre più di 90 tra coin e token. I dipendenti sono oltre 2.300. Inconfondibile il logo che raffigura proprio il kraken, leggendario mostro marino che compare in storie, film e videogiochi.

Al momento della scrittura, l’exchange offre il classico servizio di compravendita crypto oltre a funzionalità earn, scambio di NFT, margin trading con leva fino a 5x e Kraken Pro, piattaforma avanzata di trading.

Prima di scoprire a fondo la proposta della piattaforma, comprendiamone alcune basi essenziali.

Storia e funzionalità

Come aprire un conto su Kraken?

Aprire un conto è semplicissimo, ecco i passaggi.

Parti da questa pagina e clicca sul pulsante Registrati. Per cominciare ti basterà indicare un tuo indirizzo email, il nome utente e una password.

Dopo questo primo passaggio sarà però necessario verificare la propria identità secondo la consueta procedura KYC. Per farlo dovremo caricare un nostro documento a scelta tra carta d’identità, patente o passaporto. Tutto qui: ad avvenuta verifica sarai in grado di operare sulla piattaforma.

Ci sono poi livelli superiori di verifica che sbloccano limiti di movimento giornalieri e mensili più elevati. In ogni caso, la verifica di base dà accesso a soglie piuttosto ampie, in linea con le esigenze della maggior parte dei piccoli e medi investitori.

Nel caso non volessi comunicare i tuoi dati, leggi questo articolo su come comprare criptovalute senza KYC: saprà darti un valido aiuto!

Infine, ricordiamo che si può tranquillamente chiudere l’account Kraken se lo si desiderasse: basta contattare il servizio clienti, come spiegato in questa FAQ ufficiale.

Come aprire un conto su Kraken?

Come versare soldi su Kraken?

A questo punto l’account è attivo e ci si può spostare al secondo passaggio, ossia il deposito di fondi.

Per versare del denaro su Kraken, poniamo euro, dobbiamo seguire questi step:

  • Entriamo nel nostro account e clicchiamo sul pulsante Deposita (Deposit);
  • Selezioniamo la valuta che desideriamo depositare (poniamo euro);
  • Indichiamo l’importo e scegliamo il metodo di pagamento dal menu a tendina; attenzione alle commissioni, che vengono comunque mostrate nel dettaglio quando decidiamo un metodo;
  • Procedere e completare l’operazione.

Una nota importante: dopo il primo versamento, così come a quelli eventualmente successivi al primo nell’arco di 72 ore, potrebbe essere momentaneamente bloccata la possibilità di prelievo. Trascorse le 72 ore, il blocco decade e non verrà mai più applicato. Questa misura è necessaria per motivi di compliance della piattaforma. Nel frattempo, la somma potrà comunque essere utilizzata per comprare e vendere criptovalute.

Come prelevare soldi da Kraken?

Il prelievo viene eseguito in pochi click. Iniziamo entrando nel nostro account e cliccando sul pulsante Preleva (Withdraw) dopodiché:

  • Selezioniamo la valuta o criptovaluta che intendiamo prelevare;
  • Dal menu a tendina Tipo di prelievo (Withdrawal type), scegliamo il metodo con cui desideriamo procedere. Pigiamo su Continua (Continue);
  • Inseriamo i dati del conto bancario e clicchiamo su Aggiungi conto bancario (Add bank account);
  • Immettiamo l’importo e richiediamo il prelievo. Confermiamo con Preleva (Withdraw) dopo aver verificato la correttezza di tutti i dati.

Qui la guida con le modalità operative tramite app mobile.

Al momento della scrittura le fee di prelievo sono quelle mostrate nella tabella qui sotto. Troviamo anche dei limiti minimi davvero molto bassi.

commissioni prelievo kraken

Potremo inoltre prelevare (così come depositare) fondi anche mediante blockchain.

La procedura è identica a quella che troviamo negli exchange competitor: depositeremo sull’address del Kraken wallet indicato dalla piattaforma, preleveremo fornendo un nostro indirizzo (per saperne di più sui portafogli leggi l’articolo sui wallet crypto). Prestiamo attenzione a compilare correttamente tutti i campi e non sbagliare alcun dato, pena il rischio di perdere i fondi coinvolti nell’operazione.

Inoltre, ricordiamo che l’utilizzo della blockchain implica una spesa variabile in gas fee, oltre alle eventuali commissioni applicate dalla piattaforma.

Come si usa Kraken? Alla scoperta dell'exchange

La piattaforma è pensata per essere alla portata di tutti. Se poi volessimo accedera alle funzionalità avanzate basterà utilizzare Kraken Pro.

Comprare, vendere e convertire criptovalute

L’exchange si presenta in due vesti: il classico portale web e l’applicazione mobile. In entrambi i casi, la compravendita di criptomonete è rapida e semplice.

Dal sito internet, dopo aver effettuato l’accesso all’account personale, entriamo nell’area Compra crypto (Buy crypto). Fatto ciò, saranno sufficienti i seguenti passaggi per completare l’opera:

  • Selezionare compra, vendi o converti;
  • Indicare la criptovaluta da comprare o vendere, oppure quella che intendiamo convertire; in quest’ultimo caso, selezioniamo anche quella che desideriamo ricevere in cambio;
  • Indichiamo la quantità;
  • Aggiungiamo se necessario un metodo di pagamento;
  • Confermiamo.

È possibile operare sia a prezzo di mercato che stabilendo un limite.

NFT

Kraken offre ai propri utenti anche un marketplace NFT che copre diverse blockchain (Ethereum, Solana e Polygon).

La proposta è ricca, anche se chiaramente non raggiunge i livelli di piattaforme più affermate come Blur e OpenSea.

Un po’ come sui portali appena menzionati, possiamo esplorare liberamente il catalogo. Volendo abbiamo poi l’opzione di inserire dei filtri, così da ridurre la ricerca di un token non fungibile a una specifica chain o entro un determinato range di prezzo.

Kraken NFT

Al momento della scrittura, le collezioni disponibili non toccano il prestigio (e quindi il prezzo base) di quelle più famose. Però, si trovano creazioni molto interessanti e per cui vale la pena curiosare un po’.

Collegando un nostro wallet possiamo anche vendere gli NFT in nostro possesso. Dovremo però iscriverci all’exchange, perché il marketplace è interno.

Se volessi diventare un artista digitale, ne approfittiamo per linkarti la nostra guida su come creare NFT.

Earn reward

Per chi fosse alla ricerca di rendita passiva, Kraken ha ciò che serve. Il servizio Earn copre infatti molte coin tra cui bitcoin, Cardano, Polkadot e Algorand.

Gli interessi vengono pagati due volte a settimana (salvo eccezioni, sempre indicate) e variano in base alla tipologia di staking che viene scelta:

  • Flexible: interessi inferiori ma libertà di spostare i fondi in qualsiasi;
  • Bonded: fondi bloccati per un certo intervallo temporale (dai 3 ai 28 giorni, dipende) e maggiore guadagno.

La procedura è rapidissima: basta collegarsi con il proprio account e dal menu posizionato in alto selezionare Esplora (Explore) —> Ricompense da Staking (Earn rewards). Dopodiché dovremo cercare la crypto di nostro interesse e cliccare su Staking (Allocate), come nell’esempio qui sotto.

staking Kraken

Il prodotto è di per sé valido, ma attenzione: i fondi saranno sull’exchange e quelli bloccati non potranno essere recuperati prima della scadenza. Ricordiamo che le realtà centralizzate hanno dei rischi e i capitali potrebbero essere in pericolo in determinate situazioni e condizioni di mercato.

Altre cose da sapere

Vediamo altre funzionalità e caratteristiche interessanti di Kraken.

Partiamo dal margin trading, disponibile anche con leva fino a 5x. Oltre 100 valute e tassi fissi per operare a margine sul mercato spot: chi conosce la materia sarà molto felice.

Mai sottovalutare però la complessità dello strumento. Evitiamo quindi di buttarci su questa operatività senza avere la giusta dimestichezza.

I clienti istituzionali possono fare affidamento anche sulla piattaforma OTC (Over The Counter) che consente di eseguire ordini al di fuori dell’exchange Kraken tradizionale. Si può inoltre contare su condizioni favorevoli e che aprono le porte ai grandi capitali.

Il servizio è disponibile sempre, così come il team di esperti a supporto (24/7).

Proprio in tema di assistenza, Kraken dispone di un centro di supporto ricco di articoli già pronti e FAQ, oltre alla diretta interazione con una persona in caso di bisogno.

Le tempistiche di risposta variano in base al carico di lavoro del team.

Sicurezza dei fondi

Tocca al nostro argomento preferito: i capitali depositati su Kraken sono al sicuro? La risposta breve è “sì”, ma motiviamola punto per punto.

Innanzitutto dobbiamo tenere conto della sicurezza dell’account. Qui l’exchange è parecchio attento e adotta tutte le soluzioni possibili per limitare i rischi. Chiaramente dovremo metterci anche il nostro zampino scegliendo una password sicura e unica, salvando le credenziali su supporti non informatici e attivando l’autenticazione a due fattori. Occhio poi al phishing, di questi tempi molto in voga.

La cybersecurity della piattaforma rispetta rigorosi standard e ha ottenuto le certificazioni ISO/IEC 27001:2013 e SOC 2, Type 1. Non si può essere completamente al riparo dagli attacchi esterni, ma Kraken rende la vita difficile ai malintenzionati.

Parliamo delle riserve periodicamente verificate da un ente esterno, così da offrire delle Proof of Reserves aggiornate. Il cliente può accedere al proprio conto e verificare di persona l’effettiva custodia dei fondi da parte di Kraken.

In ogni caso, invitiamo a non lasciare depositate né valute fiat ne crypto sull’exchange, in quanto il wallet è di tipo custodial. Al di fuori dei fondi necessari all’operatività, è consigliato spostare il resto su dei wallet non custodial come MetaMask o Exodus, o ancor meglio su un hardware wallet.

Infine, ultimo punto, la sicurezza dei dati personali. La privacy è infatti un bene da tutelare a tutti i costi: Kraken la protegge? L’exchange sostiene di adottare tutte le soluzioni atte a garantire la massima sicurezza, affermando che anche in caso di furto dei dati, le informazioni disponibili sono limitate.

Quanto costa Kraken?

Tutto molto interessante e ben fatto, ma quanto costa utilizzare la piattaforma? È arrivato il momento di scoprirlo.

Partiamo da ciò che è gratuito:

  • Spostare fondi da/verso futures wallet;
  • Lasciare i fondi depositati;
  • Inattività;
  • Manutenzione.

Passiamo alle commissioni di trading. Esse sono piuttosto intricate perché dipendono dall’asset coinvolto, da eventuali leve, sconti e via dicendo. Nel complesso sono competitive, ma rimandiamo alla pagina dedicata per individuare ciò che riguarda ciascun specifico utente. In ogni caso daremo loro uno sguardo nel paragrafo finale, dedicato a Kraken Pro.

Anche per gli ordini Instant buy/sell, ovvero le conversioni immediate, le fee variano in funzione del metodo di pagamento, spread, asset e via dicendo. Quando si imposta un ordine, prima di confermare avremo modo di vedere a quanto ammontano le commissioni, potendo poi decidere se procedere o passare a un altro servizio.

La conversione di piccoli importi, al di sotto dell’order size minimo, comporta una fee del 3%.

Quanto ai Non-Fungible Token, Kraken applica una fee di transazione del 2%; non ci sono costi per listing, cancellazione e deposito. Le commissioni che spettano ai creator dipendono in funzione della collezione.
Il prelievo cambia da blockchain a blockchain in questo modo:

  • Ethereum: 0,01 ETH;
  • Solana: 0,02 SOL;
  • Polygon: 0,5 MATIC.

Di depositi e versamenti ne abbiamo già parlato nel paragrafo dedicato. Per completezza, ecco il link che rimanda alle commissioni Kraken, così da poterle consultare in tempo reale.

"Commissioni un po' complesse e che variano secondo diversi parametri"

Kraken trading: uno sguardo all'interfaccia Pro

Chiudiamo dando una rapida occhiata all’interfaccia di trading dell’exchange.

Kraken Pro è l’immancabile piattaforma che mette gli utenti nelle condizioni di operare professionalmente dal proprio computer. L’interfaccia si presenta come quella di altri exchange che propongono una versione avanzata, ma diamole comunque uno sguardo.

Kraken Pro

Il punto 1 indica una barra contenente alcune importanti informazioni. Oltre alla coppia di scambio che stiamo osservando (BTC/USD) vedremo l’ultimo prezzo, la variazione nelle ultime 24 ore e i volumi di scambio.

L’area contrassegnata dal numero 2 è quella operativa, da cui l’utente imposta l’ordine di acquisto o vendita. Come dicevamo in precedenza, oltre all’operatività spot è disponibile anche quella a margine. Nulla di diverso ad altre piattaforme.

Il numero 3 contrassegna l’order book, strumento indispensabile per impostare correttamente le operazioni. Anche questo campo è personalizzabile: basta cliccare sull’ingranaggio per accedere alle impostazioni della specifica scheda.

Sul punto 4 non c’è molto da dire: contiene il grafico alla TradingView, anch’esso modificabile. Potremo inoltre svolgere direttamente l’analisi tecnica, scrivere degli appunti, disegnare delle strutture e tanto altro ancora.

Infine, nell’area 5 vedremo lo storico dei nostri ordini, quelli aperti, chiusi, impostati e via dicendo. Saremo anche in grado di annullarli nel caso non fossero già andati a concludersi.

Interessante poi la voce Analytics, cliccabile nel menu posizionato nella barra superiore dello schermo. Qui potremo visualizzare alcuni interessanti indicatori per comprendere meglio il mercato

Kraken Pro analytics

Infine, chiudiamo con uno sguardo alle commissioni di Kraken Pro. Esse variano soprattutto in base ai volumi mossi, oltre al comportamento dell’utente stesso: il Maker, che contribuisce ad arricchire l’order book, pagherà importi inferiori. Il Taker, che appunto prende ciò che trova senza entrare nell’OB, pagherà una cifra superiore.

Commissioni spot a dicembre 2023

Commissioni Kraken Spot

Fee stablecoin, pegged token e coppie FX a dicembre 2023

Commissioni stablecoin Kraken

Commissioni futures a dicembre 2023

Commissioni Kraken Futures

Per i dati aggiornati fare sempre fede alla pagina sulle commissioni del sito di Kraken.

Conclusioni

Il nostro viaggio nella “pancia del Kraken” finisce qui.

L’exchange è sicuramente valido, con tante funzioni interessanti e una user experience che mira alla semplicità. Tuttavia, un po’ come per Coinbase, la facilità d’uso si paga.

Lato sicurezza nulla da segnalare, se non di essere cauti come si dovrebbe fare con qualsiasi piattaforma crypto.

Buona offerta di coin e token, anche se altri exchange la battono. Tuttavia, a meno che si stia cercando qualcosa di esotico o appena nato, possiamo dire che c’è tutto ciò che 9 volte su 10 si cerca.

Per chiudere, ecco un nostro video su Kraken. Seppur non sia aggiornato a quest’anno, esso è un valido supporto per chi fosse indeciso o volesse iniziare ad appoggiarsi a questa piattaforma e saperne di più.

Grazie e alla prossima!


X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere approfondimenti esclusivi e analisi ogni settimana.

Se ti iscrivi c’è un regalo per te!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 51,123.70
ethereum
Ethereum (ETH) $ 2,962.29
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 380.65
solana
Solana (SOL) $ 102.15
xrp
XRP (XRP) $ 0.546204
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 2,959.92
usd-coin
USDC (USDC) $ 1.00
cardano
Cardano (ADA) $ 0.587348
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 36.62
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.085321
tron
TRON (TRX) $ 0.137633
chainlink
Chainlink (LINK) $ 18.38
polkadot
Polkadot (DOT) $ 7.75
matic-network
Polygon (MATIC) $ 1.00
uniswap
Uniswap (UNI) $ 12.12
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 51,089.69
the-open-network
Toncoin (TON) $ 2.13
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 12.40
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000010
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 268.74
litecoin
Litecoin (LTC) $ 69.83
dai
Dai (DAI) $ 0.998747
immutable-x
Immutable (IMX) $ 3.11
filecoin
Filecoin (FIL) $ 7.95
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 10.46
leo-token
LEO Token (LEO) $ 4.16
kaspa
Kaspa (KAS) $ 0.166649
bittensor
Bittensor (TAO) $ 597.19
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 25.90
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.109325
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.56
blockstack
Stacks (STX) $ 2.50
aptos
Aptos (APT) $ 9.41
optimism
Optimism (OP) $ 3.60
stellar
Stellar (XLM) $ 0.117044
first-digital-usd
First Digital USD (FDUSD) $ 1.00
vechain
VeChain (VET) $ 0.043709
okb
OKB (OKB) $ 51.27
injective-protocol
Injective (INJ) $ 34.38
lido-dao
Lido DAO (LDO) $ 3.29
celestia
Celestia (TIA) $ 16.69
render-token
Render (RNDR) $ 7.12
the-graph
The Graph (GRT) $ 0.274161
mantle
Mantle (MNT) $ 0.777478
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.094113
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 1.84
monero
Monero (XMR) $ 124.79
sei-network
Sei (SEI) $ 0.824810
maker
Maker (MKR) $ 2,063.53