8 min read

Investimenti in criptovalute: come iniziare e scegliere quelle giuste per te

Di Gabriele Brambilla

Gli investimenti in criptovalute sono sempre più diffusi ma tante persone entrano a farne parte senza le giuste conoscenze. Scopriamo come iniziare al meglio!

Investimenti in criptovalute: come iniziare e scegliere quelle giuste per te

Investimenti criptovalute: un'introduzione

Se stai pensando ad avviare degli investimenti in criptovalute, oppure ti sei affacciato da poco in questo modo, aspetta: ecco quello che dovresti sapere.

Investire sulle criptovalute non è più un qualcosa di riservato a pochi “smanettoni” che amano rischiare i propri capitali. Nel corso del tempo, Bitcoin e compagne hanno infatti acquisito maggior prestigio, nonché una certa stabilità se confrontate con il passato.

Nonostante i passi avanti, siamo però ancora lontani dall’avere a disposizione un mercato strutturato come quelli tradizionali e forse neppure ci arriveremo. In verità, non è detto che questo sia un punto negativo: chi sceglie di investire nelle criptovalute lo fa anche per diversificare ed entrare a far parte di qualcosa di innovativo.

Detto questo, dobbiamo sapere alcune cose indispensabili prima di buttarci in questo mondo, perché dobbiamo sottolinearlo: esistono rischi davvero elevati che necessitano attente valutazioni.

Criptovalute come iniziare: sei pronto? Andiamo per piccoli passi dalla domanda principale: come si fa ad investire in criptovalute? Scopriamolo nel prossimo paragrafo.

 

Come investire in criptovalute?

Un tempo, acquistare bitcoin, Ether e simili era un’operazione tutt’altro che semplice per vari motivi.

Innanzitutto, gli exchange di criptovalute sulla piazza erano davvero pochi. L’utente si trovava quindi a dover scegliere il male minore, dato che i costi erano generalmente piuttosto elevati. In più, trattandosi di compagnie nuove di zecca che si occupavano di asset altrettanto giovani, chi poteva sapere se i nostri fondi sarebbero stati davvero al sicuro durante la transazione?

Con il passare del tempo si sono però affacciati diversi nuovi player sulla scena, così da creare un contesto più competitivo. L’utente oggi ha a disposizione un’ampia scelta di exchange da cui poter iniziare a investire in criptovaluta. In più, l’arrivo della finanza decentralizzata ha permesso la nascita di exchange decentralizzati, privi di un’entità societaria dietro le spalle; chi desidera operare tra crypto, trova in essi una valida alternativa ai classici Binance, Bitget e via dicendo (clicca sui link per iscriverti e sfruttare i nostri bonus).

Ma come iniziare ad investire in criptovalute? Beh, dovremmo scrivere un tomo intero per poter rispondere a questa domanda in modo completo ed esaustivo. Condensando il tutto, ecco i passaggi indispensabili che dovremmo seguire:

  • Studiare l’argomento con attenzione, partendo dalle basi e via via andando sempre più nello specifico. Il nostro portale contiene tantissimo materiale educativo: sfruttalo a tuo vantaggio!
  • Tenere monitorato il mercato e comprendere da cosa si fa influenzare e come funziona;
  • Individuare le criptovalute con cui iniziare a partire. In seguito vedremo quali dovremmo scegliere in base alla nostra tolleranza al rischio;
  • Mettere nero su bianco una strategia precisa: scegliamo le coin, la quantità, eventuali PAC, operatività multilivello e via dicendo;
  • Stabilire quale exchange utilizzere e dotarci di un account; dovremo inoltre predisporre un wallet crypto non custodial (o più), così da poter mettere in sicurezza i nostri fondi;
  • Acquistare le coin e seguire la nostra strategia.

L’iter è tutto fuorché semplice, ma non scoraggiarti: il primo punto, cioè lo studio, ti aiuterà a comprendere meglio come muoverti in quelli successivi. Proprio per questo motivo si tratta della primissima cosa da fare: senza studio non si va da nessuna parte. Con le giuste conoscenze, capire come investire sulle criptovalute diventa facile.

Andiamo però oltre e rispondiamo a un’altra domanda diffusa: quali costi comporta investire su criptovalute?

"Studio e preparazione sono i due elementi fondamentali per un investimento in criptovalute"

Quanto costa investire in criptovalute?

In verità, investire in monete virtuali non prevede dei costi fissi. Ciò significa che avrai la libertà di stabilire cosa è meglio per te. Andiamo però per gradi e analizziamo i costi che potremmo incontrare sul percorso.

Gli investimenti crypto prevedono in generale queste voci di spesa, combinabili tra loro in funzione di operatività e strategia:

  • Commissioni degli exchange, siano essi centralizzati (CEX) o decentralizzati (DEX). Fatta semplice: comprare e vendere implica che dovremo pagare una piccola fee per il servizio. Cifre da pochi centesimi a qualche euro, dipende dalle somme.
  • Fee di deposito e prelievo: per depositare euro su CEX dovremo utilizzare carte di debito/credito (generalmente costose), bonifici SEPA (solitamente la soluzione più economica) o altri servizi di pagamento.
  • Gas fee, cioè il costo che dovremo sostenere per utilizzare una determinata blockchain. Esso cambia in base al network, alla sua congestione in quel momento e all’operazione da noi richiesta. Range tra pochi millesimi di euro fino a centinaia nei momenti storicamente più difficili (come per Ethereum durante la bolla NFT).
  • Interessi, nel caso di strategie che prevedono l’utilizzo di piattaforme di lending.

Solitamente, le cifre sono piuttosto contenute, ma tutto varia. In ogni caso, esistono soluzioni che consentono di migliorare le performance delle blockchain e contenere i costi. Per saperne di più, da’ un’occhiata a questi articoli:

Quanto al discorso sulle tasse crypto (leggi la nostra guida, ne vale la pena), in Italia abbiamo un’aliquota sulle plusvalenze superiori ai 2000€. Se ci limitiamo a detenere criptovalute, senza effettuare prelievi, non dovremo pagare alcuna tassa. In fase di dichiarazione dei redditi sarà però necessario dichiarare l’importo posseduto a inizio e fine anno nel quadro RW.

Infine, investire in criptomonete comporta un altro costo: l’investimento stesso! Qui non c’è alcun limite prefissato e tutto dipende da quanto possiamo e vogliamo mettere in gioco. Potremo optare per 50€ al mese, 100, 1000 o persino di più, sono scelte dettate dalla propria situazione finanziaria.

Regola d’oro per tutti: investire criptovalute solo quanto si è disposti a perdere. Vietato utilizzare risparmi su cui dobbiamo fare affidamento.

"Non esistono costi prefissati su un investimento crypto: dipende da blockchain, strategie e situazioni"

Quali sono le migliori criptovalute su cui investire?

Eccoci alla domanda a cui tutti cercano di rispondere. Chi ci conosce però sa che non vogliamo in alcun modo influenzare le scelte delle persone; ci limiteremo quindi a fornire qualche dettaglio su quali criptovalute investire.

Il principiante assoluto che si è un po’ acculturato dovrebbe iniziare con progetti solidi, affermati e “sicuri” (virgolettato perché di sicuro non c’è nulla, neppure nella finanza tradizionale).

Spazio quindi a bitcoin ed Ethereum, lasciando tutto il resto a chi ha già un minimo di esperienza. Queste due valute sono rispettivamente prima e seconda per capitalizzazione. Bitcoin è la scelta più sicura in assoluto (ripetiamo, con tutti i limiti), mentre Ethereum è comunque un minimo più audace.

Già così, il portafoglio avrà al suo interno due valide coin. Informati attentamente prima di investirci.

Chi avesse maggior esperienza potrebbe avventurarsi tra le altcoin. Attenzione però perché volatilità e rischi aumentano, perciò bisogna essere consapevoli di cosa si sta facendo.

Consigliamo di non scrollare troppo verso il basso su CoinMarketCap e restare su progetti a grande capitalizzazione. Non vogliamo fare nomi, ci limitiamo a questi consigli criptovalute.

Quanto alle stablecoin, avendo dietro le spalle delle aziende (salvo realtà decentralizzate come DAI), esistono dei rischi. Non diamo per scontato che con una valuta stabile si sia al riparo, perché non è assolutamente così. Nell’articolo sulle stablecoin spieghiamo meglio cosa sono e che pericoli possono nascondere.

Altcoin a capitalizzazione inferiore e nuovi progetti lasciamoli agli esperti. Diamo per scontato che il lettore medio di questo articolo sia agli inizi, perciò vogliamo aiutarti prima di tutto a tutelare il tuo capitale.

Memecoin e shitcoin andrebbero evitate a prescindere, salvo per operazioni di speculazione ad altissimo rischio. Purtroppo, questa categoria è anche quella che attrae molti nuovi arrivati; tutto merito del marketing aggressivo e delle promesse di alti guadagni. Stare alla larga!

A proposito di rischi, è arrivato il momento di approfondirli.

"Bitcoin ed Ethereum sono le scelte più "sicure", dopodiché tutto diventa più complesso"

Investimenti in crypto: i rischi

Anche per questo paragrafo potremmo avviare un discorso infinito.

Non basta sapere come investire nelle criptovalute: è indispensabile anche comprendere i rischi e proteggersi.

Partiamo dai pericoli della criptovaluta in senso stretto.

In primis, ciascuna è soggetta a elevata volatilità. Dovremo essere pronti a incassare segni negativi a doppia cifra nei periodi bui; d’altro canto, ci godremo delle impennate altrettanto verticali.

Ogni progetto crypto più finire nel dimenticatoio, fallire, essere vittima di attacchi dovuti a vulnerabilità, rivelarsi una truffa o cadere nella morsa delle regolamentazioni. Mettiamo in conto che potremmo veder sfumare tutto il denaro investito su una determinata criptovaluta. In ogni caso, optando per quelle più capitalizzate il rischio viene contenuto.

A proposito, li conosci gli scam crypto da ricordare?

Troviamo poi i pericoli derivanti dal possesso.

Innanzitutto, se mal conservati, i dati del nostro wallet non custodial possono andare perduti (e con esso l’accesso ai fondi); oppure, ancora peggio, potrebbero cadere nelle mani di malintenzionati. Qui però è sufficiente stare attenti e seguire i consigli di sicurezza che troverai nell’articolo sui wallet non custodial.

Diverso il discorso per i wallet custodial: se la società che detiene i fondi avesse problemi di liquidità, o dovesse fallire, potremmo non riuscire più a riavere le nostre crypto. Soluzione: non lasciare i fondi su wallet custodial.

Identica criticità per le piattaforme di finanza centralizzata che forniscono prestiti e rendite passive. Valutiamo i pericoli e decidiamo se siamo disposti a rischiare.

Altri rischi si trovano su piattaforme di finanza decentralizzata. Rapidamente: possibili exploit degli smart contract, bassa liquidità, scam, bug e problemi tecnici. In questo caso non c’è soluzione ma abbiamo comunque modo di proteggerci un minimo: informiamoci sulla piattaforma, facciamo dei test e leggiamo (ove disponibili) i tutorial che trovi nella sezione dedicata.

Attenzione poi ai vari truffatori che avviano campagne di phishing molto ingegnose. Compaiono spesso anche nei commenti dei nostri social, nonostante i nostri sforzi per rimediare al problema. Soluzione: non rispondere mai a messaggi privati ricevuti da sconosciuti e non fornire password, seed phrase e dati (sensibili e non) di qualsiasi tipo.

Criptovalute come investire: le basi

Ci auguriamo che questo articolo ti abbia aiutato a comprendere le basi su come investire in criptovaluta. Il percorso è davvero lungo e comincia solo ora. Se avrai voglia di studiare e informarti, investire in moneta virtuale diventerà una piacevole avventura.

Se cerchi notizie dal mondo delle criptovalute consigli e aggiornamenti, seguici anche sui nostri canali social.

A presto!


X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter. Niente spam, promesso!

Se ti iscrivi c'è un regalo per te: una guida completa per i prossimi airdrop!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 27,965.49
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,904.65
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 314.38
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.479889
cardano
Cardano (ADA) $ 0.379831
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,902.29
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.073391
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.931610
solana
Solana (SOL) $ 20.77
tron
TRON (TRX) $ 0.077452
polkadot
Polkadot (DOT) $ 5.48
litecoin
Litecoin (LTC) $ 91.85
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 0.999945
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000009
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 14.72
dai
Dai (DAI) $ 1.00
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 27,971.49
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.15
chainlink
Chainlink (LINK) $ 6.62
leo-token
LEO Token (LEO) $ 3.55
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 10.88
okb
OKB (OKB) $ 47.08
monero
Monero (XMR) $ 155.16
the-open-network
Toncoin (TON) $ 1.91
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 18.42
stellar
Stellar (XLM) $ 0.089331
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 116.50
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 4.95
true-usd
TrueUSD (TUSD) $ 1.00
filecoin
Filecoin (FIL) $ 4.66
lido-dao
Lido DAO (LDO) $ 2.13
aptos
Aptos (APT) $ 8.45
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.053146
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 1.26
quant-network
Quant (QNT) $ 107.99
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.060647
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 1.64
vechain
VeChain (VET) $ 0.020493
ggtkn
GGTKN (GGTKN) $ 0.115379
apecoin
ApeCoin (APE) $ 3.27
the-graph
The Graph (GRT) $ 0.124722
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.153082
paxos-standard
Pax Dollar (USDP) $ 0.999742
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.548242
frax
Frax (FRAX) $ 1.00
edgecoin-2
Edgecoin (EDGT) $ 1.00
eos
EOS (EOS) $ 0.898637
aave
Aave (AAVE) $ 67.76