10 min read

Loopring: la soluzione layer 2 Ethereum dedicata agli exchange

Diverso dalle altre realtà layer 2 Ethereum, Loopring è specificatamente studiato per il settore degli exchange, siano essi DEX o AMM

Loopring: la soluzione layer 2 Ethereum dedicata agli exchange

Blockchain Trilemma, Ethereum e Loopring

Loopring è la soluzione layer 2 Ethereum ideata soprattutto per gli sviluppatori di DEX e applicazioni DeFi.

Il network nasce nel 2017 per mano di Daniel Wang, ingegnere e programmatore con esperienze lavorative presso Google e JD.com.

Già in diverse occasioni ci siamo imbattuti nei punti deboli di alcune blockchain, soprattutto quelle basate sull’algoritmo di consenso Proof-of-Work.

Fra i principali network al mondo, Ethereum fa purtroppo parte di questo gruppo e soffre di alcune limitazioni che offuscano i tanti pregi.

Per comprendere al meglio ciò di cui stiamo parlando, introduciamo il concetto di blockchain trilemma coniato da Vitalik Buterin, ideatore proprio di Ethereum.

Secondo Buterin, la blockchain ideale dovrebbe avere tre punti chiave:

  • Decentralizzazione: ovvero che non ci sia dietro una ristretta rete di validatori, un computer centrale o qualsiasi altra cosa che renda il network controllato da una ristretta cerchia di persone.
  • Scalabilità: la chain dovrebbe potersi adattare rapidamente all’aumento del carico di lavoro, scalando appunto verso l’alto la sua capacità.
  • Sicurezza: ovviamente il network dovrebbe garantire standard di sicurezza superiori, rendendo pressoché impossibile qualsiasi manipolazione.

Layer 0, layer 1, layer 2 blockchain

Il dilemma che viene a crearsi sta nella difficoltà a coniugare i tre punti nello stesso contesto.

Ad esempio, un ristretto circolo di validatori offre performance elevate a discapito però della decentralizzazione. Oppure, l’algoritmo Proof-of-Work è decisamente sicuro ma penalizza la scalabilità in quanto lento nel processare le transazioni.

Insomma, viene quindi a crearsi un “trilemma” di ardua soluzione.

Ethereum non si sottrae al problema appena descritto: è una realtà decisamente decentralizzata e sicura ma pecca a livello di scalabilità.

Negli ultimi due anni abbiamo assistito a una crescita esponenziale dell’ecosistema, soprattutto grazie ai grandi trend DeFi e NFT.
L’aumento nella domanda di transazioni ha portato a un’importante congestione del network. A sua volta, ciò ha provocato lunghe attese ed elevate gas fee. Chi avesse operato su Ethereum nel 2021 sa bene di cosa stiamo parlando: ogni movimento era fonte di dolori.

Occorre quindi una soluzione che promuova sia la crescita della chain che la sostenibilità computazionale, economica ed energetica.

Ethereum sta introducendo diversi importanti aggiornamenti, noti fino a poco tempo fa con il nome di Ethereum 2.0.
Tra i vari interventi, l’algoritmo di consenso passerà da Proof-of-work a Proof-of-stake. Vi sarà inoltre la possibilità di dar vita a delle chain atte ad alleggerire ulteriormente il carico di lavoro (sharding).
C’è però un problema: ci vorrà ancora del tempo prima di completare questo importante set di modifiche. Come fare nell’immediato?

I layer 2 rappresentano la miglior soluzione ai punti deboli di Ethereum e sono già disponibili per tutti.

Loopring è parte di questa categoria ma presenta interessanti caratteristiche proprie. Nei prossimi paragrafi andremo a scoprirle più nel dettaglio.

Che cos'è Loopring? Tutto sul layer 2 Ethereum

Loopring è un layer 2 Ethereum del tipo zkRollup, ideato per il settore degli exchange e i pagamenti. Il concetto di zkRollup lo vedremo nel prossimo paragrafo; per ora concentriamoci sul soggetto dell’articolo.

Cerchiamo di rendere le cose facilmente comprensibili.

Se creassimo un nostro DEX su Ethereum, gli utilizzatori andrebbero a imbattersi nei limiti già descritti in precedenza: lentezza e onerosità delle transazioni. Di conseguenza, il successo della piattaforma sarebbe un traguardo difficile da raggiungere.

Per fortuna, Loopring viene in nostro soccorso. Anziché pubblicare il DEX direttamente su Ethereum, sfruttiamo il layer 2.
Quando l’utente utilizzerà il protocollo, le transazioni si svolgeranno su Loopring e non sulla blockchain principale. Così facendo, i costi in gas vengono abbattuti e con essi le lunghe attese.

I layer 2 sono soluzioni che scalano il proprio layer 1, lo potenziano e ne alleggeriscono il carico di lavoro. Tutte le operazioni vengono infatti prese in carico da questo network, lasciando alla chain madre solo gli aspetti legati a sicurezza e validazione.

Infatti, tornando a Loopring, di tanto in tanto questi interagisce con Ethereum, inviando un pacchetto contenente numerose transazioni.
È questo il punto fondamentale: operando su Ethereum si sottopongono transazioni su transazioni direttamente al network. Invece, un layer 2 ne manda periodicamente una sola che ne contiene molte altre.
In questo modo, Ethereum lavora decisamente meno ma le operazioni sono comunque sicure e corrette.

Esistono diverse soluzioni layer 2 Ethereum fra cui Arbitrum, Optimism e Immutable X.
Ognuna di esse ha proprie peculiarità e applicazioni. Ad esempio, Immutable X è disegnata per il mondo degli NFT e assolve esclusivamente questo compito.

Loopring non è da meno e si colloca in una nicchia specifica: i DEX, decentralized exchange. L’obiettivo finale del progetto è quello di rendere la finanza decentralizzata (DeFI) più performante, sicura e piacevole da utilizzare.

Il cuore di Loopring è il suo protocollo zkRollup open source, studiato per favorire imprenditori, aziende e sviluppatori.
Si tratta di un insieme di smart contract e soluzioni tecniche che rendono fattibile la creazione di DEX con order book, AMM e applicazioni di pagamento. Il tutto ovviamente in modo sicuro e scalabile.

Un team di sviluppatori può decidere di pubblicare la propria DApp direttamente su Ethereum. Abbiamo però descritto a quali problemi si andrebbe incontro.
Per restare in questo ecosistema ed evitare punti critici, Loopring è perciò fra le migliori soluzioni. Ecco i vantaggi:

  • Scalabilità: forse l’elemento di maggior importanza. Utilizzando Loopring, la piattaforma ha la possibilità di scalare sempre più verso l’alto.
  • Gas fee ridotte: grazie alla soluzione layer 2, anche gli utenti sono felici. Vi è infatti un notevole risparmio nei costi di transazione.
  • Velocità: non essendoci congestione, l’operatività è rapida. Parliamo di circa 2.000 transazioni per secondo contro le 15/45 del layer 1.
  • Sicurezza: sfruttare Loopring garantisce comunque gli standard di sicurezza di Ethereum, fra i più elevati in assoluto.
  • Ecosistema: trattandosi di un layer 2 si è comunque all’interno del mondo Ethereum.

Non ci siamo addentrati in tecnicismi in quanto Loopring è piuttosto complesso da studiare e comprendere. Comunque vale la pena spendere qualche parola su che cos’è uno zkRollup…vediamolo subito!

Che cos'è uno zkRollup?

Nominando i layer 2 si chiama in causa una categoria che prevede diverse declinazioni come Plasma, xDai, Optimistic Rollups e zkRollups. Quest’ultima realtà è quella impiegata da Loopring; cerchiamo di scoprire qualcosa in più sul suo funzionamento.

ZK sta per zero-knowledge (proof), cioè “zero conoscenza delle prove”. Consiste in una soluzione crittografica che permette a un software di giungere a una determinata conclusione senza avere accesso ad alcun dato.

Il concetto di zero-knowledge affonda le sue radici negli anni ’80, quando fu sviluppato e studiato da alcuni accademici provenienti dal Massachusetts Institute of Technology (MIT). L’esempio che segue è parecchio utilizzato per descrivere la commistione conoscenza-privacy.
Immaginiamo due milionari. Essi vogliono conoscere chi dei due è più ricco ma, al tempo stesso, evitando di sapere a quanto ammontano le loro finanze.
Tramite diversi passaggi si può arrivare a una conclusione certa senza dover esporre alcun numero.

Nel mondo blockchain, un rollup ZK punta esattamente a questo: transazioni sicure e veritiere evitando successive verifiche ed esposizioni di dati.
Ad esempio, questa soluzione rende possibile che un’operazione giunga a buon fine priva di intoppi, senza però diffondere gli address delle parti.
Al contrario, l’invio di una certa somma tramite Bitcoin espone tutti i dati e richiede un lungo processo di controllo.

Il meccanismo zero-knowledge proof è applicabile a svariati campi. Potrebbe essere il caso della verifica di un documento, oppure del possesso di determinati requisiti.

Tornando a Loopring, esso permette di inviare un pacchetto di transazioni a Ethereum con delle zero-knowledge proof. In questo modo si ha la piena certezza della correttezza delle operazioni ma, contemporaneamente, il carico di lavoro del layer 1 viene parecchio ridotto. Infatti, non c’è alcun bisogno di verifiche o controlli successivi come invece può accadere negli Optimistic rollup.

In poche parole, questa tecnologia è decisamente valida su tutti i fronti.

"Uno zkRollup garantisce massima sicurezza senza dare l'accesso ad alcun dato: è un meccanismo complesso ma affidabile al 100%"

Token Loopring (LRC)

Loopring possiede un proprio token omonimo (ticker LRC).

La supply massima è di circa 1.37 miliardi di esemplari, di cui ben il 97% è già in circolazione.

Il token LRC è sul mercato dall’agosto 2017, distribuito tramite una ICO dal grande successo.

La market cap è poco sopra i 900 milioni di dollari al momento della scrittura, distante dai 4.5 miliardi toccati nell’all-time high di novembre 2021.

Il prezzo attuale si attesta sui 68 centesimi di dollaro, anch’esso lontano dal picco di quasi 3,5 $ di fine 2021.

Il compito principale del token LRC è quello di incentivare la partecipazione all’ecosistema stesso.

Nello specifico, ecco i suoi casi casi d’uso:

  • Ricompensa per i miners/relayers della chain, cioè coloro che ne garantiscono il funzionamento.
  • Valuta da bloccare per far girare un DEX su Loopring.
  • Partecipazione alla DAO.
  • Burn.

L’allocazione del token, riportata anche nell’immagine a fine paragrafo, è la seguente:

  • 50% agli investitori.
  • 20% al team del progetto.
  • 20% a un fondo specifico destinato allo sviluppo dell’ecosistema.
  • 10% a collaboratori, auditor, exchange e via dicendo.

LRC è una buona opportunità di investimento? È piuttosto difficile dirlo.

La supply fissa, perciò priva di elementi inflazionari, gioca ovviamente a suo vantaggio.

Il progetto Loopring è molto buono e potrebbe crescere ulteriormente nel tempo. Non mancano quindi dei punti a favore.

Tuttavia, è arduo prendere una posizione con decisione. I casi d’uso ci sono ma non giustificano un investimento consistente, almeno a nostro avviso.

Si raccomanda una buona analisi fondamentale prima di acquistare questo token in ottica di medio e lungo periodo.

Per le operazioni speculative, è invece essenziale un’attenta analisi tecnica.

Token Loopring (LRC)

Come interagire con Loopring: wallet, bridge ed exchange

Oltre a fornire una soluzione layer 2 per sviluppatori e aziende, Loopring offre anche un proprio exchange.

Vediamo quale wallet utilizzare e come spostare i fondi da Ethereum al layer 2 Loopring avvalendoci proprio dell’exchange.

Innanzitutto rechiamoci su loopring.io e clicchiamo sul pulsante in alto a destra recante la scritta “LAUNCH APP”.

Nella schermata che segue dovremo pigiare su uno dei tasti “Connect Wallet”.

Loopring exchange wallet

Come spesso accade, Metamask è la prima scelta.

Loopring dispone inoltre di un software dedicato, il Loopring Smart Wallet. Esso è disponibile per dispositivi mobile Android e Apple IOS.
Ben fatto e apprezzato dalla community, lo Smart Wallet rappresenta una valida alternativa se si opera tramite smartphone o tablet.

Chi invece intendesse lavorare tramite pc, l’estensione browser di Metamask è la soluzione consigliata.

Connettersi all’exchange con questo wallet è facile: basta selezionare uno dei pulsanti evidenziati nella foto sopra e seguire la veloce e semplice procedura.

A questo punto saremo pronti per spostare delle criptovalute da Ethereum a Loopring. Infatti, una volta connesso il wallet, il portale ci segnalerà che è necessario depositare dei fondi per attivare il layer 2. Il messaggio sarà il seguente: “Deposit & Activate Layer 2″.

depositare fondi su Loopring

Clicchiamo sul pulsante e selezioniamo l’asset di nostro interesse, solitamente Ether. Confermiamo, approviamo la transazione nel wallet ed entro pochi istanti dovremmo essere nel mondo di Loopring!

Attenzione: spostando fondi da Ethereum a Loopring dovremo pagare delle gas fee alla blockchain principale, in quanto stiamo interagendo con essa. Purtroppo è un passaggio inevitabile e potrebbe costare un po’; non demoralizziamoci: una volta sbarcati su Loopring, le elevate gas fee saranno solo un ricordo.

Ora non ci sono davvero limiti e possiamo sfruttare l’ottimo exchange a nostro vantaggio.

Loopring Exchange: uno sguardo alla piattaforma

L’exchange Loopring è ben costruito e adatto a tutti i livelli di utenza, dai principianti ai più esperti. L’interfaccia è infatti personalizzabile dalla voce “Trade” del menu: “Simple” per chi non necessita di strumenti evoluti, “Professional” per chi invece fosse alla ricerca di un’operatività avanzata.

Quest’ultima opzione è molto piacevole da utilizzare e ricorda gli exchange centralizzati o realtà DEX come Serum.
Loopring propone infatti un order book gestito interamente dal network. Gli swap sono pressoché istantanei e offrono garanzie sia agli investitori che ai trader.

Non mancano inoltre i pool di liquidità. La soluzione offerta è quindi ibrida, a vantaggio dell’utenza.

I mercati a disposizione comprendono tutti gli accoppiamenti più gettonati: da ETH-USDT ai pool dedicati interamente alle stablecoin, senza dimenticare quelli contenenti il token LRC.

I pool di liquidità propongono APR non troppo elevati ma che alcuni investitori potrebbero ritenere interessanti.
I capitali versati sono abbastanza consistenti nei pool principali (ad esempio ETH-USDC) il che li rende sicuri e stabili.
Come sempre, prestare attenzione al rischio di impermanent loss girando capitali in determinate liquidity pool.

L’unico limite del Loopring exchange sta proprio nella scelta dei mercati, un po’ ridotta al di fuori degli standard. Un operatore potrebbe quindi optare per altre soluzioni più note e ricche di proposte.

Tuttavia, la piattaforma è ben fatta, rapida e dai costi pressoché nulli: basta davvero poco per renderla al pari della concorrenza.

Ultima nota: dalla voce del menu “L2 Wallet” è possibile spostare i fondi da Loopring a Ethereum, invertendo il processo descritto nel paragrafo precedente.
Non cambia molto rispetto quanto visto: si seleziona l’asset da convertire e si approvano le varie conferme richieste. La procedura è semplice, veloce e gli asset saranno disponibili in tempi ridotti.

Loopring Exchange: uno sguardo alla piattaforma

Loopring: layer 2 Ethereum dedicato agli exchange

Essendo abituati a soluzioni universali come Arbitrum e Optimism, Loopring può confondere.

Non si tratta di un layer 2 pensato per le persone comuni, o meglio, non direttamente. L’obiettivo di Loopring è infatti quello di fornire un ambiente dove la compravendita di token e coin possa avvenire rapidamente e a costi ridotti. Senza poi dimenticare le soluzioni di pagamento.
Una realtà orientata soprattutto agli sviluppatori di DEX, AMM e piattaforme simili. Tuttavia, grazie a Loopring l’utente finale può comunque beneficiare dell’ottimo servizio che ne deriva.

Questo layer 2 adotta idee e meccanismi decisamente complessi e di cui non abbiamo discusso in maniera approfondita.
Di per sé, già il concetto di zkRollup richiede ulteriore lavoro di perfezionamento prima di consacrarsi definitivamente. È comunque opinione diffusa che questa tecnologia possa rappresentare il futuro delle chain layer 2…staremo a vedere!

Per noi utenti e investitori è importante avere a disposizione strumenti validi, sicuri e che comportino i minori costi possibili. Loopring soddisfa tutte queste esigenze e lo fa in un ambiente, Ethereum, noto per l’alta competitività.

Essendoci tante alternative, Loopring non è esploso come altre realtà, prima fra tutte Arbitrum. Lo sviluppo è comunque continuo e ci si può aspettare una buona crescita futura.
Tuttavia, eventi come quello della mancata partnership con GameStop, sbandierata in rete ma purtroppo non veritiera, non sono esattamente l’ideale per favorire questo percorso.

Tirando le somme: l’idea alla base di Loopring è valida così come lo sviluppo. Nonostante il vantaggio temporale, altre realtà hanno però superato questo layer 2. Riuscirà a recuperare il terreno perduto?

Che ne pensi di Loopring? Raccontacelo sui nostri canali social 🙂

Abbiamo più volte menzionato Arbitrum ma di cosa si tratta nel dettaglio? Ecco il video adatto a rispondere a questa domanda!


bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 19,421.49
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,060.95
tether
Tether (USDT) $ 1.00
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 215.10
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
xrp
XRP (XRP) $ 0.314171
cardano
Cardano (ADA) $ 0.446744
solana
Solana (SOL) $ 32.41
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.065461
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.74
dai
Dai (DAI) $ 1.00
tron
TRON (TRX) $ 0.064632
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000010
leo-token
LEO Token (LEO) $ 5.96
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 19,387.94
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 16.01
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,019.99
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.454790
litecoin
Litecoin (LTC) $ 50.81
ftx-token
FTX (FTT) $ 24.54
okb
OKB (OKB) $ 12.14
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.113021
chainlink
Chainlink (LINK) $ 6.03
stellar
Stellar (XLM) $ 0.110359
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.30
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 7.77
uniswap
Uniswap (UNI) $ 4.79
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.308494
monero
Monero (XMR) $ 112.99
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 14.53
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 100.32
theta-fuel
Theta Fuel (TFUEL) $ 0.047471
chain-2
Chain (XCN) $ 0.083652
vechain
VeChain (VET) $ 0.022167
flow
Flow (FLOW) $ 1.48
frax
Frax (FRAX) $ 1.00
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 1.08
apecoin
ApeCoin (APE) $ 4.44
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.061992
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 5.23
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.842900
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.36
true-usd
TrueUSD (TUSD) $ 1.00
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.31
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.16
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 13.94
elrond-erd-2
Elrond (EGLD) $ 50.75
bitcoin-sv
Bitcoin SV (BSV) $ 51.85
helium
Helium (HNT) $ 9.14