7 min read

Crypto su cui investire: valutazioni e scelta

Di Gabriele Brambilla

La scelta delle crypto su cui investire è un tema centrale ed evergreen. Capiamo come muoverci, analizzare, valutare e decidere quali crypto comprare

Crypto su cui investire: valutazioni e scelta

Come scegliere le crypto su cui investire

Decidere di versare del denaro in questo settore è solo il primo passaggio: ora bisogna scegliere le crypto su cui investire.

L’impresa non è da poco, perché investireoggi richiede molta più attenzione rispetto che un tempo. Gli strumenti finanziari sono tantissimi, ciascuno dei quali con propri vantaggi e svantaggi. Per non parlare poi dei mercati in generale.

Quello delle monete virtuali è un territorio ancora piuttosto giovane, dove è possibile conseguire guadagni enormi ma, al tempo stesso, incassare perdite dolorose. Inoltre, bisogna prestare la massima attenzione e scegliere le giuste cryptovalute anche per evitare scam o progetti di pessimo valore.

Ok, ma quindi, quali sono le migliori criptovalute su cui puntare i propri soldi? In questo articolo analizzeremo alcuni aspetti da tenere in considerazione per compiere la scelta giusta. Faremo anche qualche nome a scopo solamente informativo: nessuno dei contenuti di questo portale vuole essere un consiglio finanziario e ognuno dovrebbe svolgere le proprie ricerche.

Quali sono le crypto su cui investire?

In uno dei prossimi paragrafi troverai qualche nome; si tratta di spunti, non di certezze. Nel frattempo, come individuare quali criptovalute comprare?

Lo diciamo e scriviamo spesso, ma non ci stancheremo mai di farlo: nessuno può affermare con certezza su cosa investire oggi. Questo perché il mercato è costantemente in movimento, così come le idee e i sentimenti degli attori che ne fanno parte.

Un buon punto di partenza per scoprire quali criptovalute comprare è la market cap: per chi inizia, sarebbe meglio optare per realtà più strutturate e ricche di liquidità, così da minimizzare la volatilità. Comunque attenzione, perché anche bitcoin può oscillare di molti punti percentuali in una manciata di minuti. La capitalizzazione può essere consultata su portali come CoinMarketCap e CoinGecko.

Scegliendo tra le prime coin e token si riduce anche il pericolo di incappare in progetti truffaldini o privi di valore intrinseco. Un conto è investire su Cardano, un altro è mettere i propri soldi su un network appena nato. Chiaramente, se poi quest’ultimo dovesse esplodere in positivo, il ritorno per i primi arrivati sarebbe enorme ma… ne vale la pena?

Ed ecco quindi entrare in scena la tolleranza al rischio. Persone più audaci, che possono permettersi di perdere denaro, potranno muoversi più liberamente. Chi invece ha un atteggiamento più protettivo, dovrebbe optare per crypto relativamente sicure. Anche su questo punto non c’è giusto o sbagliato: dipende esclusivamente dalla persona.

Prima di investire in criptovalute conviene studiare l’industria nel suo insieme, capire come si muove e analizzare pericoli e opportunità. Troppo spesso entriamo in contatto con persone che investono senza avere esperienze pregresse, il che non è positivo; dopotutto, le criptovalute sono uno degli asset più rischiosi in circolazione.

Infine, sarà necessario lo studio dello specifico progetto. Scopriamo questo passaggio più nel dettaglio.

Quali sono le crypto su cui investire?

Analisi fondamentale di una criptovaluta

Per minimizzare il rischio di commettere errori e scegliere su quali criptovalute investire, l’analisi fondamentale resta l’operazione regina in assoluto.

Questa procedura, indispensabile anche quando si ha a che fare con altri strumenti finanziari, consiste nello studio approfondito di un progetto. Ad esempio, se prendessimo in esame BTC, dovremmo:

  • Studiare la blockchain Bitcoin, soppesando punti di forza e debolezze;
  • Analizzare attentamente le tokenomics di BTC, la sua inflazione, l’halving, i possessori e via dicendo;
  • Vedere il mercato in generale: come potrebbe andare, quali sono i sentimenti, cosa potrebbe riservare il futuro;
  • Magari, per completezza, fare anche una bella analisi on-chain.

Questi tre punti ci permetterebbero di valutare meglio la realtà bitcoin, senza farci influenzare da articoli esterni, hype e FoMO.

Dopodiché, se volessimo essere ancor più precisi, potremmo dare spazio anche all’analisi tecnica. Grazie a essa saremmo in grado di individuare il momento più favorevole per entrare nel mercato e, se necessario, uscirne.

"A prescindere dall'asset, l'analisi fondamentale è una costante"

Spunti: su quale crypto investire oggi?

Ecco qualche moneta virtuale su cui potresti svolgere delle ricerche. Ricordiamo che non abbiamo alcuna certezza sul loro andamento futuro, perciò è importante decidere in autonomia se ne valga la pena.

Bitcoin (BTC)

C’è poco da fare: da sempre, la migliore criptovaluta in termini di celebrità e capitalizzazione è bitcoin. Il progetto nacque per mano dell’anonimo Satoshi Nakamoto, dando di fatto il via al panorama blockchain.

La struttura alla base di BTC è un network Proof-of-Work, dove il mining garantisce sicurezza e correttezza delle transazioni.

La debolezza sta nell’impossibilità di scalare le performance piuttosto scarse in termini di velocità. Tuttavia, Lightning Network supera questo grande problema.

Bitcoin potrebbe essere la miglior criptovaluta su cui investire se si cercano più certezze possibili, unite a una volatilità elevata ma al tempo stesso scarsa se paragonata ad altre coin e token.

Ethereum (ETH)

Ether è la coin nativa del network Ethereum, numero 2 del mercato. Questo ambiente differisce molto da Bitcoin, perché qui troviamo smart contract e applicazioni che assolvono svariate funzioni: finanza decentralizzata, assicurazioni, NFT, metaverse, social network e tanto altro ancora.

ETH è tra le criptovalute più usate e il trend potrebbe aumentare nel futuro; a questa possibilità si unisce la stabilità del progetto e gli ottimi layer-2 che ne garantiscono migliori prestazioni.

Attenzione alla concorrenza, da sempre molto agguerrita.

Polygon (MATIC)

Eccoci alla principale sidechain di Ethereum. Polygon è una struttura semi-indipendente ma comunque ancorata alla chain madre, con tutti i vantaggi del caso.

Le numerose partnership e un ecosistema in espansione la rendono una delle monete su cui investire, a patto che si accettino maggiori rischi e volatilità.

MATIC è ritenuta da molti una delle criptovalute da comprare, anche se non si può avere alcuna garanzia di crescita futura.

Polkadot (DOT)

Polkadot è una struttura che consente di creare tanti ecosistemi differenti, ottima per gli sviluppatori.

Si tratta di un progetto sperimentale ma solido, con tante collaborazioni in corso.

DOT, la coin nativa, potrebbe essere una delle criptovalute su cui investire solo se la tolleranza al rischio è sufficientemente elevata. Infatti, i pericoli aumentano e non sono da prendere alla leggera.

Cosmos (ATOM)

Un altro ambiente di sviluppo è Cosmos, molto apprezzato per la sua versatilità.

Per la coin ATOM valgono le stesse considerazioni fatte con DOT.

Chainlink (LINK)

Progetto un po’ differente, Chainlink è una rete di oracoli che mette in connessione blockchain e mondo reale. È vista da molti addetti ai lavori come una realtà fondamentale per il panorama crypto.

Se le attese dovessero trovare conferme, LINK sarebbe una delle migliori criptovalute su cui investire.

Solana (SOL)

Solana è un network che spesso ha incontrato difficoltà, mostrando però una resilienza invidiabile. Il lavoro del team prosegue e potrebbe portare grandi benefici anche alla crypto nativa SOL.

Altri nomi da tenere d’occhio

BNB, Avalanche, TRON, Cronos… (lista non esauriente e no: Dogecoin e Shiba Inu non ne fanno parte).

"Regola d'oro: ragionare con la propria testa e non seguire i copioni altrui"

Criptovalute emergenti su cui investire: attenzione

Già la parola “emergente” dovrebbe bastare a farci raddrizzare le antenne. Essendo progetti nuovi, non disponiamo di uno storico, né sappiamo dove potranno arrivare. Il rischio di fallimento, così come di situazioni truffaldine, è quindi marcato se confrontato a realtà solide e sulla scena da tempo.

Il principio è lo stesso che possiamo trovare anche altrove. Ad esempio, un’azienda giovane e ancora in fase di formazione sarà una scelta di investimento più rischiosa rispetto ad Apple, giusto per chiamare in causa un gigante.

Bitcoin è la prima criptovaluta in assoluto. Ha la più grande market cap del settore, è nota anche ai non addetti ai lavori ed esistono anche strumenti di investimento tradizionali basati su di essa (come gli ETF futures). Se domani nascesse una coin dal nome NuovaCriptovaluta, sicuramente sarebbe meno stabile di BTC. I potenziali guadagni sarebbero più ampi, in quanto il margine di crescita è maggiore; dall’altra parte però avremmo un rischio esponenzialmente più grande.

Perciò, massima attenzione in generale, ma soprattutto con le criptomonete appena nate e di cui si sa ancora poco.

L’analisi fondamentale sarà sempre pronta ad aiutarci, certo. Tuttavia, anch’essa incontra i suoi limiti. Il mix di esperienza, propensione al rischio e conoscenze saprà guidarti verso la miglior scelta per il tuo caso specifico.

Criptovalute emergenti su cui investire: attenzione

X

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere approfondimenti esclusivi e analisi ogni settimana.

Se ti iscrivi c’è un regalo per te!

bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 61,816.56
ethereum
Ethereum (ETH) $ 3,411.66
tether
Tether (USDT) $ 1.00
bnb
BNB (BNB) $ 413.20
solana
Solana (SOL) $ 129.53
xrp
XRP (XRP) $ 0.621856
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 3,404.20
usd-coin
USDC (USDC) $ 1.00
cardano
Cardano (ADA) $ 0.724368
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.135340
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 42.68
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000022
tron
TRON (TRX) $ 0.140492
polkadot
Polkadot (DOT) $ 9.14
chainlink
Chainlink (LINK) $ 20.42
matic-network
Polygon (MATIC) $ 1.07
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 61,755.55
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 483.69
uniswap
Uniswap (UNI) $ 12.64
the-open-network
Toncoin (TON) $ 2.66
litecoin
Litecoin (LTC) $ 90.74
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 13.08
filecoin
Filecoin (FIL) $ 9.76
dai
Dai (DAI) $ 1.00
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 33.13
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 11.84
immutable-x
Immutable (IMX) $ 3.28
leo-token
LEO Token (LEO) $ 4.75
blockstack
Stacks (STX) $ 3.05
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 4.21
aptos
Aptos (APT) $ 11.60
bittensor
Bittensor (TAO) $ 634.78
optimism
Optimism (OP) $ 3.96
kaspa
Kaspa (KAS) $ 0.167715
stellar
Stellar (XLM) $ 0.134308
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.111702
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.138527
injective-protocol
Injective (INJ) $ 40.94
okb
OKB (OKB) $ 58.82
vechain
VeChain (VET) $ 0.048515
first-digital-usd
First Digital USD (FDUSD) $ 1.00
the-graph
The Graph (GRT) $ 0.324993
lido-dao
Lido DAO (LDO) $ 3.33
render-token
Render (RNDR) $ 7.72
mantle
Mantle (MNT) $ 0.893587
celestia
Celestia (TIA) $ 16.38
monero
Monero (XMR) $ 149.35
arbitrum
Arbitrum (ARB) $ 2.06
theta-token
Theta Network (THETA) $ 2.33
bitcoin-sv
Bitcoin SV (BSV) $ 113.56