8 min read

BNB Smart Chain: il secondo network di Binance

Scalabilità, compatibilità EVM e gas fee ridotte: tre ingredienti che hanno portato la BNB Smart Chain (BSC) tra i principali protagonisti del mondo blockchain

BNB Smart Chain: il secondo network di Binance

Introduzione alla BNB Smart Chain (BSC)

Sulla piazza dal 2020, BNB Smart Chain (ex Binance Smart Chain) è tra i network più utilizzati e noti del nostro settore.

Questa creatura è parte del più ampio ecosistema creato da Binance, il principale exchange crypto al mondo. Essa si affianca alla BNB Beacon Chain – BNB Chain Governance (ex Binance Chain) e ne supera i limiti. Il risultato finale è un ambiente potente e ricco di opportunità.

La storia dei network “Made in Binance” ha inizio nell’aprile 2019 con il lancio della Binance Chain, il cui compito principale era quello di offrire un’infrastruttura idonea al buon funzionamento dell’exchange stesso. Infatti, questa blockchain è pensata per l’attività di trading di Binance e ne ottimizza le performance su ogni fronte.

Tutto sembra perfetto ma non è così: la chain Binance svolgeva alla perfezione il suo lavoro ma presentava lacune altrove. Essendo stata sviluppata per un preciso scopo, gli sviluppatori furono difatti obbligati a fare delle rinunce. Purtroppo, come per un’infinità di altri servizi, anche la blockchain deve spesso scendere a compromessi.

Tra i limiti, citiamo la non compatibilità con la Ethereum Virtual Machine (EVM) e gli smart contract. In aggiunta e più in generale, a essere penalizzata era soprattutto la flessibilità, a cui si aggiungeva anche la scalabilità.

Lo diciamo spesso e lo ripetiamo con piacere: il mondo della blockchain è vivace e quasi sempre i problemi vengono risolti con soluzioni tecniche ingegnose e di qualità. In questo caso la regola fu confermata; per superare i limiti della BNB Chain, Binance decise di lanciare un altro network: Binance Smart Chain (abbreviata in BSC).

Da febbraio 2022 le due realtà hanno cambiato nome: la Binance Chain è diventata BNB Beacon Chain; la Binance Smart Chain è invece mutata in BNB Smart Chain. Le abbreviazioni restano identiche.
Oltre a questa variazione, sono stati introdotti altri cambiamenti su cui torneremo in seguito. Uniti, questi due network formano la BNB Chain.

Nei prossimi paragrafi scopriremo che cos’è la BNB Smart Chain e come funziona.

Sposteremo poi l’attenzione a BNB, la coin nativa di entrambi i network, da tempo tra le cinque principali criptovalute.

Come da tradizione, elencheremo pro e contro di questa realtà, così da poterla utilizzare in maniera informata.

Prima di concludere non mancherà una panoramica sulle piattaforme DeFi più note.

Non perdiamo altro tempo e scopriamo che cos’è la BSC.

Che cos'è la BNB Smart Chain (BSC) ?

La BNB Smart Chain (BSC) è la blockchain EVM compatibile dell’ecosistema Binance. Essa non è da considerarsi un layer 2: si tratta di un network che può funzionare indipendentemente dalla BNB Beacon Chain.

Come dicevamo nel paragrafo precedente, la creazione della BSC è stata necessaria per andare oltre i limiti della BNB Beacon Chain, ai tempi nota come Binance Chain.

La BNB Smart Chain supporta gli smart contract e ha dato vita a uno degli ecosistemi DeFi più vivaci di tutto il panorama crypto. Più avanti  daremo un rapido sguardo ai protocolli più famosi che ancora oggi dominano la scena.

La compatibilità EVM, menzionata più volte, è la porta d’ingresso per i fork di progetti già presenti su Ethereum o altre blockchain che supportano la sua macchina virtuale. Inoltre, questa caratteristica consente di utilizzare i più noti wallet come MetaMask.

Quest’ultimo passaggio è più importante di quanto possa sembrare.
L’utente non deve ripartire dall’inizio e imparare tutto da zero: sa già utilizzare il wallet, i protocolli forkati funzionano secondo meccanismi identici al “genitore” e magari conosce anche qualche bridge.
Le chain EVM compatibili hanno quindi un punto di forza a livello di esperienza d’uso non indifferente.

Spostandoci su performance e aspetti tecnici, la BSC è una validissima blockchain.

Il block time è di circa 3 secondi; perciò, le transazioni sono decisamente rapide. Aggiungiamo inoltre economiche, perché bastano davvero pochissimi frammenti di BNB per spostare criptovalute o interagire con smart contract e protocolli DeFi.

L’algoritmo di consenso impiegato è una declinazione del Proof-of-Stake, più nello specifico un Proof-of-Staked-Authority (PoSA). La sostanza non cambia: lo stake di coin BNB è il principio su cui gira tutto il resto.

Sui validatori, esiste un sistema di elezione ogni 200 blocchi che mira a favorire la rotazione. Il loro numero è 41 (marzo 2022). Di questi, solo 21 sono eletti ed effettivamente all’opera.

La BSC è una blockchain tecnicamente valida sotto tutti i punti di vista ma qui salta all’occhio un grande problema: la centralizzazione. I validatori sono davvero pochi; ciò garantisce le ottime performance a cui assistiamo ma rende tutto più chiuso, controllato e potenzialmente censurabile.

Affrontando invece il rapporto tra questo network e la BNB Beacon Chain, esse sono ovviamente in grado di comunicare agilmente. Dopotutto dietro le quinte c’è sempre Binance.
Perciò, grazie a particolari soluzioni tecniche, gli utenti hanno modo di spostare coin e token da una parte all’altra senza troppi pensieri.
Gli asset sulla BNB Beacon Chain sono di tipo BEP-2; quelli sulla BNB Smart Chain si chiamano invece BEP-20 (similitudine non casuale con gli ERC-20 di Ethereum).

Abbiamo nominato più volte la coin BNB ma non siamo andati oltre. Vediamo quindi qualche informazione di base per poter disporre di un quadro più completo.

Che cos'è la BNB Smart Chain (BSC) ?

BNB, la criptovaluta della BSC

Build aNd Build (un tempo nota come Binance Coin) è la criptovaluta nativa di tutta la BNB Chain. Viene quindi impiegata sia sulla Beacon Chain che sulla Smart Chain.

Questa coin è molto interessante anche come potenziale asset su cui investire, diamo uno sguardo alle tokenomics.

La supply è di 200 milioni di esemplari e non è previsto alcun meccanismo che ne accresce il numero. Anzi, grazie ai burn periodici, il circolante di BNB si riduce con il passare del tempo. Il piano di Binance prevede la distruzione di circa 100 milioni di pezzi (50% della supply).

La distribuzione è invece ripartita in questo modo:

  • 100 milioni di esemplari sul mercato, lanciati con una ICO nell’ormai lontano 2017.
  • 20 milioni destinati agli investitori. Non essendoci stato alcun vesting, l’eventuale pressione in vendita può dirsi conclusa da tempo.
  • 80 milioni riservati ai fondatori di Binance e sbloccati nell’arco di quattro anni. Dal Q2 del 2019, questi fondi vengono bruciati e non più intascati.

Diamo ora un’occhiata ai casi d’uso.

Innanzitutto, BNB è la valuta necessaria per pagare le gas fee di entrambe le blockchain che compongono la BNB Chain. Dato che stiamo parlando di Binance e di una delle principali piazze DeFi, la domanda per questa crypto è sempre vivace.

Poi, come per molte crypto legate a un exchange, il possesso dà diritto a sconti/riduzioni sulle commissioni di trading. Chi muove capitali ingenti e opera di frequente ne sarà certamente contento.

BNB è l’asset da detenere per aderire ai launchpad di Binance, un servizio molto apprezzato da community e investitori. Il link rimanda a un approfondimento ben dettagliato.

Vogliamo stare sul classico? La coin BNB può essere messa in stake per contribuire al buon funzionamento dell’infrastruttura. In cambio riceveremo una rendita passiva interessante.

Ma questa criptovaluta è molto di più: Binance è un exchange in evoluzione e costantemente alla ricerca di nuovi servizi da proporre ai propri clienti. In questo processo, la coin ha quasi sempre un ruolo di primo piano.

Questa crypto ha un elevato valore intrinseco e potrebbe rappresentare un investimento profittevole in ottica futura.

Attenzione però perché nulla è garantito e questo non vuole essere un consiglio finanziario: non possiamo avere alcuna certezza.

Chi fosse interessato ad approfondire dovrebbe studiarsi in modo esaustivo l’intero ecosistema Binance e decidere se effettivamente valga la pena impegnare il proprio denaro. In questo senso, l’analisi fondamentale è un obbligo.

Acquistare BNB è facilissimo: basta creare un account Binance, l’exchange crypto più grande al mondo, iscritto regolarmente al registro OAM.

Se non hai ancora un account, il mio referral di Binance ti darà diritto a uno sconto del 20% sulle fee per sempre… approfittane!

Vuoi saperne di più su questa criptovaluta? Ecco un articolo dedicato interamente a BNB Coin.

BNB, la criptovaluta della BSC

Pro e contro della BNB Smart Chain

Prendiamo in considerazione quanto sappiamo della BSC e valutiamo cosa c’è di buono e cosa andrebbe invece migliorato.

Tra i PRO, parliamo subito delle prestazioni. Questa blockchain è rapida e stabile, difficile rimanere delusi.

Anche le gas fee sono motivo di felicità: seppur esistano network ancor più economici, con pochi centesimi di dollaro si approvano transazioni anche sulle piattaforme DeFi.

Quanto alla sicurezza, nulla di anomalo da segnalare.

Un altro punto a favore è la presenza di un attore come Binance, una garanzia per il buon funzionamento e aggiornamento della chain nel tempo.

A questi aspetti favorevoli si somma la compatibilità EVM e un ecosistema di finanza decentralizzata completo. È improbabile non trovare quello che si cerca.

Purtroppo esistono anche degli aspetti negativi.

Il più rilevante è probabilmente il discorso sulla centralizzazione.
Ok Binance, ok anche la sicurezza ma i validatori sono davvero pochi. Da un lato ciò garantisce buone performance, dall’altro però si spalancano le porte a controllo e censura. Insomma, non proprio una bella cosa.

Un ulteriore punto a sfavore sta nel fatto che la BSC è una chain che ospita numerosi token scam e shitcoin di varia natura.

Sia chiaro: l’infrastruttura non ha alcuna responsabilità in merito. Purtroppo, grazie ai dettagliati tutorial presenti in rete, chiunque può creare un token BEP-20 e pubblicarlo sulla blockchain. Questo viene pure integrato automaticamente da PancakeSwap. Il tutto richiede pochissimi dollari, a malapena quanto ci costerebbe una colazione.

Uno scammer ha vita facile dal punto di vista tecnico: gli bastano dei fondi per fornire una liquidità decente alla sua creazione e una buona campagna di marketing.

L’abbondanza di shitcoin getta quindi del fango su un’infrastruttura tecnicamente ben progettata e di valore.

Un’ultima nota: quanto appena detto accade anche su tanti altri network. Per evitare di acquistare token senza alcun valore intrinseco basta informarsi. Nella maggior parte dei casi, verificando supply, distribuzione e casi d’uso avremo già un quadro sufficiente per scartare il buono dal cattivo.

"Nel complesso, i punti di forza della BNB Smart Chain vincono a mani basse sulle debolezze"

Migliori progetti sulla BNB Smart Chain

Non è davvero un approfondimento su una blockchain senza dare uno sguardo ai migliori progetti proposti.

Iniziamo con un grande calibro: PancakeSwap… chi non lo conosce?
Questa celebre piattaforma DeFi è un fork di Uniswap, un altro nome nell’Olimpo della finanza decentralizzata.
La proposta di PancakeSwap è enorme e orientata a mantenere l’utente all’interno del suo ambiente: DEX AMM con Pool di liquidità e Farming, Stake, IFO, Marketplace NFT, Lotteria… chiedi e probabilmente ti sarà dato!
Utilizzando la BNB Smart Chain è davvero improbabile non capitare di tanto in tanto su questo protocollo.

Cambiamo nome ma restiamo tra i pezzi grossi con Venus, il portale di lending fork di Compound.
Se PancakeSwap è il punto di riferimento per comprare e vendere criptovalute, Venus è il più importante money market della BSC. Gli investitori che impostano strategie basate su Lending e Borrowing crypto troveranno ciò che cercano.

Abbiamo sia il DEX che il money market, cosa manca? Esatto, un protocollo dedicato all’ottimizzazione delle rendite.
Alpaca Finance è il più grande Yield Farming protocol della BNB Smart Chain, disponibile anche su network Fantom.
Vogliamo incrementare le rendite sui nostri depositi nei pool di liquidità, evitando peraltro di fare compounding manuale? Alpaca Finance è il posto giusto.

Un’alternativa innovativa a quest’ultimo è Tranchess.
Interessante la distinzione dei prodotti in Rook, Bishop e Queen, rifacendosi ai pezzi del gioco degli scacchi.
In base alla scelta ci esporremo a diverse criptovalute e rischi, seguendo differenti strategie.

Chi stesse cercando un DEX particolarmente efficiente potrebbe dare uno sguardo a Ellipsis Finance.
I liquidity provider avranno inoltre una buona proposta tra pool di stablecoin o di token sintetici che seguono la stessa criptovaluta. Rischio di impermanent loss quasi azzerato e buone rendite.

Citiamo infine Beefy Finance, lo Yield Aggregator presente su tantissime blockchain fra cui Polygon, Arbitrum e Optimism.
Non c’è bisogno di alcuna presentazione: ottime possibilità di guadagno a fronte di un impegno decisamente ridotto.

Non è finita qui, anzi: questo era solo un assaggio di ciò che offre la finanza decentralizzata sulla BSC.

La BNB Smart Chain è un network perfetto per la nascita di nuovi progetti DeFi, nonché per i fork di altri già esistenti. Merito della compatibilità EVM, delle gas fee contenute, delle buone performance e dell’altrettanto valida opera di promozione portata avanti da Binance.

Evitiamo di farci ingolosire troppo e cerchiamo di essere cauti: la DeFi è fantastica ma i pericoli sono costantemente in agguato.

Migliori progetti sulla BNB Smart Chain

BNB Smart Chain: un progetto di valore

La BNB Smart Chain è un progetto di valore e con una discreta esperienza sulle spalle. Avere dietro un colosso come Binance è la famosa ciliegina sulla torta.

In questo ambiente c’è già tutto quello che serve e altro si aggiungerà con il passare del tempo.

Nuove blockchain ed ecosistemi nascono in continuazione, dando spesso il cambio a quelli che falliscono; a oggi, la BSC gode di ottima salute ed è un luogo sicuro su cui lavorare e investire.

Ovviamente serve sempre attenzione perché il mondo crypto è ancora sperimentale. Confidiamo che la BNB Smart Chain possa confermarsi per molti anni a venire.

Come ti trovi con la BSC? Confermi il nostro parere positivo o ti trovi in disaccordo? Aspettiamo un tuo commento sui nostri canali social.

Ci salutiamo con un video dedicato al vero protagonista di tutto quanto abbiamo appena approfondito: Binance. Buona visione!


bitcoin
Bitcoin (BTC) $ 19,084.81
ethereum
Ethereum (ETH) $ 1,337.56
tether
Tether (USDT) $ 0.999386
usd-coin
USD Coin (USDC) $ 0.999786
bnb
BNB (BNB) $ 280.07
xrp
XRP (XRP) $ 0.478578
binance-usd
Binance USD (BUSD) $ 1.00
cardano
Cardano (ADA) $ 0.461924
solana
Solana (SOL) $ 33.64
dogecoin
Dogecoin (DOGE) $ 0.066148
polkadot
Polkadot (DOT) $ 6.43
shiba-inu
Shiba Inu (SHIB) $ 0.000012
dai
Dai (DAI) $ 1.00
staked-ether
Lido Staked Ether (STETH) $ 1,330.71
matic-network
Polygon (MATIC) $ 0.769908
tron
TRON (TRX) $ 0.060260
avalanche-2
Avalanche (AVAX) $ 17.82
wrapped-bitcoin
Wrapped Bitcoin (WBTC) $ 19,079.98
uniswap
Uniswap (UNI) $ 5.86
cosmos
Cosmos Hub (ATOM) $ 13.96
leo-token
LEO Token (LEO) $ 4.26
ethereum-classic
Ethereum Classic (ETC) $ 28.85
litecoin
Litecoin (LTC) $ 54.90
okb
OKB (OKB) $ 15.24
chainlink
Chainlink (LINK) $ 7.66
ftx-token
FTX (FTT) $ 23.98
stellar
Stellar (XLM) $ 0.119770
near
NEAR Protocol (NEAR) $ 3.82
crypto-com-chain
Cronos (CRO) $ 0.118520
monero
Monero (XMR) $ 142.95
algorand
Algorand (ALGO) $ 0.373996
bitcoin-cash
Bitcoin Cash (BCH) $ 120.20
flow
Flow (FLOW) $ 1.71
apecoin
ApeCoin (APE) $ 5.58
terra-luna
Terra Luna Classic (LUNC) $ 0.000246
vechain
VeChain (VET) $ 0.023255
chain-2
Chain (XCN) $ 0.077636
filecoin
Filecoin (FIL) $ 5.71
quant-network
Quant (QNT) $ 118.64
internet-computer
Internet Computer (ICP) $ 6.12
hedera-hashgraph
Hedera (HBAR) $ 0.062864
chiliz
Chiliz (CHZ) $ 0.259377
tezos
Tezos (XTZ) $ 1.52
the-sandbox
The Sandbox (SAND) $ 0.909153
frax
Frax (FRAX) $ 0.997357
decentraland
Decentraland (MANA) $ 0.723314
eos
EOS (EOS) $ 1.23
axie-infinity
Axie Infinity (AXS) $ 13.11
theta-token
Theta Network (THETA) $ 1.12
elrond-erd-2
Elrond (EGLD) $ 48.32